Crisi Vitrani, Venerdì la CGIL organizza un presidio dei lavoratori

19.08 - Il Sindacato: «L'azienda vive una “crisi paradossale” perché rischia la paralisi dell’attività pur avendo un portafoglio ordini importante»

Le organizzazioni sindacali organizzano una CONFERENZA STAMPA con presidio dei lavoratori per l'evolversi della crisi aziendale della Vitrani S.p.a. che mette a rischio 40 posti di lavoro,VENERDI 24 ottobre alle ore 10.30 c/o la sede di Trieste - Muggia, via Martinelli, 16.

La Vitrani Spa, storica azienda triestina conosciuta nel mondo nell'ambito di arredamenti civili e navali attiva da 54 anni con picchi di occupazione sino ad 80 dipendenti diretti più l'indotto.

L'azienda vive una crisi paradossaleperché rischia la paralisi dell’attività pur avendo un portafoglio ordini importante.

Commesse siglate e altre di prossima acquisizione vedrebbero l’azienda impegnata nel prossimo triennio con l’impiego di tutto il personale attualmente presente e il riassorbimento delle maestranze dalla mobilità.

Ma purtroppo l’attuale situazione finanziaria aziendale non consente il prosieguo dell’attività rendendo di fatto difficilmente realizzabile quanto sopra. La scarsa liquidità, causata dai crediti accumulati negli ultimi due anni, e il blocco delle linee di credito mettono in serio pericolo l’azienda ed i suoi dipendenti.

L’amministrazione  regionale è a conoscenza e segue con attenzione l’evolversi della  situazione  dell’Azienda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di iscritti alle alle università online, ecco quelle riconosciute dal Miur

  • "Sono stato aggredito con un piede di porco", triestino all'ospedale: "Volevano entrare in casa"

  • Incidente in via Udine: insulti e minacce di morte ad un medico del 118

  • Bimbo cammina in fondo alla chiesa, alcuni fedeli "cacciano" lui e la madre

  • Mano pesante del Questore, giù le serrande del Mc Donald's per una settimana

  • Blitz della Finanza sui subappalti in Fincantieri: un arresto, 19 aziende coinvolte e 34 indagati

Torna su
TriestePrima è in caricamento