Cronaca

Critiche di Roveredo, Dipiazza: «Si ricordi che quando era in carcere abbiamo aiutato sua famiglia» (VIDEO)

Salace risposta del sindaco Roberto Dipiazza alle parole scritte da Pino Roveredo su un quotidiano locale: «Volevo ricordale, Pino Roveredo, che quando lei era in galera io e mia sorella abbiamo aiutato la sua famiglia, i suoi figli e la sua signora. Qualche volta bisognerebbe avere il coraggio di stare zitti»

Il sindaco Roberto Dipiazza risponde come suo solito, dalle piazze di Trieste, allo scrittore Pino Roveredo e alle sue parole scritte in un trafiletto di un giornale locale.

Dipiazza ricorda nel video che vi proponiamo, e che lo stesso sindaco ha pubblicato sulla sua pagina Facebook, che quando il Roveredo si trovava in carcere per scontare una pena detentiva, lo stesso Roberto Dipiazza e sua sorella hanno avuto modo di aiutare la famiglia dello scrittore, e in particolare la moglie e i figli.

Conclude poi il video con la massima: «La parola è d'argento, ma il silenzio d'oro».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Critiche di Roveredo, Dipiazza: «Si ricordi che quando era in carcere abbiamo aiutato sua famiglia» (VIDEO)

TriestePrima è in caricamento