Cronaca

"Crollo entrate per 133 milioni", Zilli: "Cifre preoccupanti per il Fvg"

In aprile il crollo delle entrate è pari a 53 milioni di euro e in quello di maggio sfiora gli 80 milioni di euro

Foto Aiello

"Un crollo delle entrate allarmante che, rispetto al 2019, nel mese di aprile è pari a 53 milioni di euro e in quello di maggio sfiora gli 80 milioni di euro, cifre preoccupanti per il Friuli Venezia Giulia in uno scenario nel quale non è ancora definita la trattativa con Roma e la spesa sanitaria, per le esigenze legate al Covid, continua ad aumentare". Lo ha detto l'assessore regionale alle Finanze Barbara Zilli oggi in Consiglio regionale per l'esame in I Commissione integrata dell'Assestamento di Bilancio per gli anni 2020-2022, fornendo i dati legati all'andamento del gettito derivante da compartecipazione statali e tributi propri "che, in concomitanza con l'inizio della pandemia - ha aggiunto - ha segnato una contrazione del 13,24% in aprile e del 20,84% nel maggio scorso".

"Ugualmente preoccupante - ha spiegato Zilli - è la simulazione compiuta sull'andamento del gettito sul bilancio 2020, che evidenzia minori entrate pari a 609,25 milioni di euro. La proiezione, costruita tenendo conto del calo dell'11,2% del Pil così come stimato dalla Commissione europea, segna una perdita consistente per il Friuli Venezia Giulia che dall'iniziale previsione di 5.439,70 milioni di euro, potrebbe chiudere il bilancio a fine anno con 4.830,45 milioni di euro. "Quanto al 2021 - ha concluso - le previsioni, se come indicato a livello europeo vi sarà un recupero del 6,1% del Pil, il bilancio potrebbe recuperare solo in parte le perdite, segnando comunque minori entrate per 314,59 milioni".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Crollo entrate per 133 milioni", Zilli: "Cifre preoccupanti per il Fvg"

TriestePrima è in caricamento