rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Economia

Crollo nuove partite Iva in Fvg: Gorizia la “peggiore” in Italia, ma a Trieste aumentano

Indagine Ires su dati Mef. È la diminuzione più alta tra le regioni italiane

TRIESTE - Una diminuzione del 25,3 per cento delle nuove partite iva in Fvg: la diminuzione più alta tra le regioni italiane, dato che la media a livello nazionale è pari a -8,7 per cento. Come riportato dal ricercatore dell’Ires Fvg Alessandro Russo, che ha rielaborato dati del ministero dell’Economia e delle Finanze. La dinamica fortemente negativa che ha caratterizzato la nostra regione è stata determinata dall’andamento della provincia di Gorizia, il peggiore in Italia (-2.419 unità, pari a -73,5 per cento), dove nel 2021 si era verificata un’anomala crescita delle partite Iva aperte da soggetti non residenti, operanti nel settore del commercio online.

Trieste è stata una delle poche a livello nazionale dove si è verificato un incremento (+4 per cento). In sostanza, dopo due anni eccezionali, il 2020 condizionato dalla pandemia e il 2021 dalla inconsueta dinamica della provincia di Gorizia, il numero di nuove aperture in regione è tornato a livelli analoghi a quelli del triennio 2017-2019.

Si può inoltre osservare che, negli ultimi anni, la quota di aperture effettuate da under 35 è tornata a crescere dopo il calo del periodo 2015-2016, sfiorando il 50 per cento del totale nel 2020. Tale andamento è stato probabilmente favorito dalla possibilità di aderire al regime forfetario, che nel 2022 a livello nazionale ha riguardato quasi la metà delle nuove aperture.

Il settore delle attività professionali scientifiche e tecniche è quello in cui più frequentemente prendono avvio i percorsi di lavoro autonomo o imprenditoriale (1.520 nel 2022 in regione); il comparto comprende sia le libere professioni (notai, avvocati, commercialisti, ingegneri, architetti), sia quelle attività non regolamentate da ordini professionali (pubbliche relazioni e comunicazione, consulenza gestionale, collaudi e analisi tecniche, pubblicità e ricerche di mercato). Rispetto all’anno precedente si rileva un notevole calo nel commercio, mentre aumentano le aperture nell’edilizia, grazie ai notevoli incentivi esistenti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crollo nuove partite Iva in Fvg: Gorizia la “peggiore” in Italia, ma a Trieste aumentano

TriestePrima è in caricamento