rotate-mobile
Venerdì, 2 Dicembre 2022
Cronaca

Giorno del Ricordo, Serracchiani: «Ricordiamo i morti col silenzio e la preghiera» (VIDEO)

Celebrazione al monumento della Foiba di Basovizza in ricordo delle vittime. Presenti rappresentanti del Governo, della Regione e del Comune di Trieste

«Io vengo a Basovizza da anni, so da che parte stare». E ancora: « Noi qui oggi ricordiamo i morti: credo che
il modo migliore per farlo sia il silenzio. Il silenzio e la preghiera». È quanto ha dichiarato la presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani a margine della celebrazione del Giorno del Ricordo al monumento nazionale della Foiba di Basovizza, alla presenza di autorità civili, militari e religiose e con una folta rappresentanza di parlamentari, consiglieri regionali e cariche istituzionali.

Il Governo era rappresentato dal sottosegretario agli Esteri Benedetto Della Vedova, che, secondo il protocollo, ha preso la parola dopo il sindaco di Trieste Roberto Dipiazza e il presidente del Comitato martiri delle foibe e della Lega Nazionale Paolo Sardos Albertini. Con la presidente Serracchiani era presente l'assessore regionale alla Cultura Gianni Torrenti.
«Io vengo qui da tanti anni, non è questo il mio primo anno, a differenza di qualcuno. Quindi ho già scelto da che parte stare, so già qual è la verità - ha affermato Serracchiani al termine della cerimonia -. Le parole forti che sono state dette oggi sono parole importanti».
Tra i momenti più toccanti della fredda mattinata di Basovizza la consegna dei riconoscimenti della Presidenza della Repubblica ai congiunti di alcune vittime dell'odio: Attilio Benvenuti, Rinaldo Celato, Giovanni Clemente e Giuseppe Rasura. Le medaglie del Capo dello Stato in memoria dei martiri sono state porte ai parenti dal sottosegretario Della Vedova.

10feb17. Giorno del Ricordo: Foiba di Basovizza (foto di Emanuele Esposito, Regione Fvg, Comune Trieste)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giorno del Ricordo, Serracchiani: «Ricordiamo i morti col silenzio e la preghiera» (VIDEO)

TriestePrima è in caricamento