rotate-mobile
Cronaca Molo Venezia 1

Degrado e inquinamento: oli esausti e batterie usate a mezzo metro dal mare

All'inizio del molo Venezia, quello della Marina San Giusto, c'è un centro di raccolta di queste sostanze inquinanti che, quando i barili straboccano, finiscono direttamente in acqua. Il molo è di competenza dell'Autorità Portuale che ha subito allertato la ditta competente affinché rimedi alla situazione

Nei giorni scorsi ci è giunta una segnalazione da parte di una nostra lettrice che denunciava una situazione di forte degrado, quasi di abbandono, e inquinamento all'inizio del Molo Venezia (quello della Marina San Giusto): proprio lì, a fianco dell'ex Magazzino vini, di fronte la perla del Salone degli Incanti, c'è un deposito di oli esausti e batterie usate, a mezzo metro dal mare.

Siamo andati sul posto per effettuare una verifica ed effettivamente lo spettacolo non era proprio quello che ci si aspetta in una zona di pregio come sono le Rive triestine: la "casetta" sembra effettivamente abbandonata a se stessa, in uno stato di degrado ben visibile (data anche la natura dei materiali lì depositati).

Per non parlare poi (come mostrano le immagini) dell'inquinamento delle acque marine lì vicino, a circa 50 centimetri: infatti le scie di olio, tamponate dalla segatura, si dirigono direttamente in mare.

Abbiamo contattato l'ente preposto al controllo di quel tratto di demani marittimo, cioè l'Autorità Portuale. Il dirigente Fabio Rizzi ci ha spiegato che «il deposito viene svuotato costantemente dagli incaricati, ma ovviamente molto dipende chi lo utilizza e con quali modalità (e tempi). Comunque segnaleremo prontamente la situazione a chi di dovere affinchè venga risolto il problema».

1dic15. Oli esausti Molo Venezia (foto di Emanuele Esposito)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Degrado e inquinamento: oli esausti e batterie usate a mezzo metro dal mare

TriestePrima è in caricamento