Girava con un coltello e un bastone metallico in macchina, denunciato

Accorsi sul posto per i rilievi di rito per un sinistro che vedeva coinvolti una macchina e uno scooter, gli agenti della Polizia Locale di Trieste hanno trovato una lama e un bastone metallico. Denunciato per per minaccia con coltello e possesso di armi atte ad offendere un cittadino rumeno

Riceviamo dalla Polizia Locale e pubblichiamo integralmente. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alcuni giorni fa una pattuglia della Polizia Locale veniva inviata a Barcola per il rilievo di un lieve incidente stradale: uno scooter Sym aveva tamponato un'autovettura Hyundai. Giunti sul posto gli operatori constatavano che il conducente dell'autovettura tamponata - S.E. le sue iniziali, di 43 anni, rumeno - oltre ad aver lasciato l'autovettura in mezzo alla carreggiata causando un notevole intralcio alla circolazione stradale continuava a stazionare in mezzo alla strada gesticolando in modo vistoso in direzione di un numero di persone presenti sul posto; comportamento che interrompeva non appena si avvedeva della presenza degli operatori della Polizia Locale. Gli operatori, dopo aver fatto spostare l'autovettura, identificavano le parti coinvolte; in tale frangente si avvicinava al luogo del sinistro un altro uomo che iniziava a discutere con il conducente della Hyundai. L'uomo, C.G. moldavo, asseriva di essere stato minacciato poco prima dal conducente della Hyundai con un coltello perché - pur non coinvolto nel sinistro stradale - era intervenuto in difesa del conducente dello scooter che aveva tamponato leggermente la Hyundai. La condotta del rumeno veniva confermata anche dal conducente dello scooter stesso e da un suo amico i quali riferivano di aver anche udito pronunciare, in italiano, frasi come “ti ammazzo, giuro che ti ammazzo”. Dopo aver richiesto l'ausilio di un'altra pattuglia, gli operatori provvedevano alla perquisizione della Hyundai e, dopo una breve ricerca, rinvenivano nella tasca della portiera anteriore sinistra un coltello con la lama lunga, munito di fodero in plastica bianca, e un bastone metallico tra il sedile del conducente e la portiera. A questo punto la pattuglia accompagnava S.E. presso il Nucleo di polizia giudiziaria di via Revoltella dove gli veniva formalizzata la denuncia per minaccia con coltello1 e possesso di armi atte ad offendere2 .

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo di 7 anni umiliato a scuola per aver dimenticato l'astuccio, la triste storia di Jacopo

  • Obbligo di mascherina fino al 15 ottobre: Fedriga firma l'ordinanza

  • Schianto nella notte in via Giulia, morto scooterista di 50 anni

  • Covid 19: la Slovenia "declassa" l'Italia a zona arancione

  • Schianto tra i Carabinieri e un'auto: militare a Cattinara

  • Ricercata da cinque anni, faceva la escort a Trieste: arrestata 28enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento