"Apra la cassaforte per motivi di sicurezza": anziana truffata in Campo Marzio

L'uomo si è finto un addetto ai controlli dell'impianto di riscaldamento e ha chiesto alla donna di mostrargli tutti gli oggetti metallici, anelli e preziosi compresi, per poi svuotarle la cassaforte. Il truffatore avrebbe avuto un complice al telefono

Foto di repertorio

Si finge un addetto ai controlli dell'impianto di riscaldamento e le svuota la cassaforte: è successo ieri sera a una signora anziana in zona campo Marzio. L'uomo le si era avvicinato mentre faceva ritorno a casa e con la scusa dei controlli è entrato nell'appartamento assieme a lei. Una volta entrati in casa il truffatore le ha detto che, per motivi di sicurezza, le avrebbe dovuto segnalare la presenza di oggetti metallici, anelli e preziosi inclusi. La donna si è tolta gli anelli e ha indicato al malintenzionato una cassaforte. Questi l'ha convinta ad aprirla e i due, sempre per asseriti motivi di sicurezza, si sono spostati per alcuni minuti sul terrazzo. Probabilmente l’uomo, in costante conversazione al cellulare, avrebbe avuto un complice.

Blitz della Polizia Locale ad Altura, scoperta presunta truffa ai danni di un'anziana 

La verifica

Rientrati all’interno dell’appartamento, il truffatore l’ha salutata e si è allontanato. Poco dopo la donna ha chiesto a un vicino informazioni in merito a questo controllo. Insospettito, l’ha invitata a verificare il contenuto della cassaforte ed è stato appurato il totale svuotamento della stessa: denaro e preziosi. È stato contattato il 112 e sul posto si è recato personale della Squadra Volante della Questura. Sono in corso le ricerche del o dei malviventi.

La raccomandazione della Polizia

Si invitano tutte le persone a diffidare da simili comportamenti, messi in atto da individui che cercano di carpire la fiducia di soggetti deboli, come persone anziane o che vivono da sole, per mettere in atto truffe e raggiri. Al minimo sospetto e, comunque, per verificare situazioni che appaiono dubbie o anomali, si invita la cittadinanza a informare prontamente le Forze dell’Ordine attraverso il numero unico 112 e di non avere alcun timore nel segnalare questi episodi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Non si potrà fare nulla senza di noi": anche a Trieste i manifesti contro Di Maio

  • Blocco totale in Regione, ecco l'ordinanza di chiusura

  • Coronavirus, dichiarato lo stato d'emergenza in FVG

  • Forti dolori addominali e in stato d'agitazione, 19enne intossicato finisce a Cattinara

  • Schianto fatale in moto a Monfalcone: morto un 38enne triestino

  • Far west in strada per Opicina, fugge all'alcoltest e aggredisce un carabiniere: arrestato

Torna su
TriestePrima è in caricamento