Sabato, 18 Settembre 2021
Cronaca

Dipendente dell'Unicredit Arrestato per Induzione alla Prostituzione Minorile

Si erano presentati, disperati,  in Questura il papà e la mamma, entrambi cittadini rumeni, dopo avere scoperto che i loro due figli minori, due ragazzi di 15 e 17 anni, erano stati adescati in un parco cittadino da un adulto con il quale si erano...

Si erano presentati, disperati, in Questura il papà e la mamma, entrambi cittadini rumeni, dopo avere scoperto che i loro due figli minori, due ragazzi di 15 e 17 anni, erano stati adescati in un parco cittadino da un adulto con il quale si erano prostituiti.
Le immediate indagini avviate dalla Squadra Mobile, coordinate dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Trieste, Dr. Massimo De Bortoli, consentivano di identificare la persona adulta in Arrigo Ravenna, di anni 54, di professione bancario presso la filiale Unicredit di l.go Tomizza 1.
Quest'ultimo, si è potuto accertare, è solito frequentare persone molto giovani di sesso maschile, prevalentemente di cittadinanza straniera, con i quali intrattiene rapporti sessuali, nel proprio appartamento di v.le XX settembre 51, per lo più sadomaso, dietro pagamento di modiche somme di danaro.
Nel corso del tempo aveva creato una vera e propria "ragnatela" di conoscenze che si basavano sul "passa parola".


Al termine delle indagini, che hanno consentito, tra l'altro, di evitare che il Ravenna reiterasse con altri giovani vittime la propria condotta criminosa, il GIP presso il Tribunale di Trieste - Dr.ssa Laura Barresi ha emesso nei suoi confronti una ordinanza di custodia cautelare in carcere che è stata eseguita nelle prime ore di ieri.
La successiva perquisizione domiciliare, estesa anche nella sede di lavoro, ha permesso di rinvenire una notevole mole di materiale di interesse investigativo.
Ravenna è stato associato alla Casa Circondariale del Coroneo a disposizione dell'A.G. inquirente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dipendente dell'Unicredit Arrestato per Induzione alla Prostituzione Minorile

TriestePrima è in caricamento