Cronaca

"La nostra città", Dipiazza a Rumiz: «Vergognati, vai a lavorare!» (VIDEO)

Dure le parole del sindaco Roberto Dipiazza che anticipa l'incontro con Paolo Rumiz, "La nostra città", lettera appello sul futuro di Trieste e l'immagine della città nel mondo

Il sindaco Dipiazza replica e in parte anticipa le critiche alla base dell'incontro "La nostra città" previsto per domani, 10 dicembre, al Caffè San Marco, «lettera appello promossa da molte persone di varia ispirazione, note e meno note, che vivono a Trieste, impegnate nei campi della cultura, della scienza, del sociale, del volontariato accomunate da un sentimento di forte preoccupazione per il grave ripiegamento sociale, culturale e di immagine in Italia e nel mondo che Trieste sta vivendo a causa delle scelte operate dalla amministrazione comunale attuale; una città che rischia di perdere la propria immagine e il vero decoro di se stessa e quasi certamente l’appuntamento con il futuro», come recita il comunicato dell'evento.

Dure le parole del sindaco Roberto Dipiazza, in special modo verso il giornalista scrittore Paolo Rumiz: «Domani il giornalista Paolo Rumiz che ha fatto campagna elettorale per il centrosinistra, con attacchi personali gratuiti, ospitati sulle colonne di quello che è ormai l'organo di partito del PD e non più il quotidiano della città, presenterà una lettera d'appello sul "futuro di Trieste", quando, in realtà, continuerà a fare politica attaccando questa amministrazione votata dai triestini. Continuate pure a scrivere e a parlare, a parlare e scrivere; in cinque anni di amministrazione della sinistra avete fatto solo questo ed i risultati, devastanti per la città, sono sotto gli occhi di tutti. Il futuro di Trieste si costruisce lavorando, come stiamo facendo noi. Prendete esempio».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"La nostra città", Dipiazza a Rumiz: «Vergognati, vai a lavorare!» (VIDEO)

TriestePrima è in caricamento