Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca

Discriminazioni sessuali, il Comune avvia politiche per favorire l'inclusione sociale di lesbiche, gay, bisessuali e transgender

16.22 - La delibera della Giunta avvia anche una collaborazione con le associazioni Arcigay e Radicale certi diritti

Il Comune di Trieste ha aderito nel 21 marzo del 2013 alla Carta d'intenti della Ready, Rete nazionale delle pubbliche amministrazioni anti discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere. L'adesione comportava l'impegno da parte dell'Amministrazione comunale a promuovere politiche per favorire l'inclusione sociale di queste persone, sviluppando azioni postive e promuovendo la cultura dell'accoglienza e del rispetto reciproco.

Nei giorni scorsi, su proposta dell'Assessore e vicesindaco Fabiana Martini, la Giunta comunale ha deliberato l'approvazione di queste iniziative, avviando una collaborazione con l'Associazione Arcigay Arcobaleno Tireste Gorizia Onlus e l'Associaizone Radicale Certi Diritti

Inoltre, il Comune costituirà un gruppo di dipendenti formati sui temi in argomento, dipendenti che verranno selezioni dai vari ambiti di intervento dell'Amministrazione, quelli ritenuti più idonei e motivati: questo gruppo incontrerà trimestralmente i rappresentanti delle associazioni con cui è stato stretto l'accordo allo scopo di sviluppare le iniziative positive menzionate dalla Carta d'intenti Ready, diffondere, sensibilizzare e prevenire eventuali forme di disagio e discriminazioni. Il costo per la costituzione del gruppo di lavoro si configurerà all'interno di quello delle risorse umane, mentre la direzione verrà affidata all'Assessore con delega alle Pari Opportunità, Pace e Diritti Umani, cioè la stessa Fabiana Martini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Discriminazioni sessuali, il Comune avvia politiche per favorire l'inclusione sociale di lesbiche, gay, bisessuali e transgender

TriestePrima è in caricamento