Muore a 38 anni dopo una caduta con la moto, Dolina piange Devan Santi

Il sindaco Sandi Klun: "Una perdita enorme per tutto la nostra comunità, per tutta la nostra gente". Santi lavorava in Wartsila e in passato aveva lavorato anche come caldaista. Faceva osmiza e da qualche tempo si dedicava ai lavori nell'orto

Lo conoscevano in tanti Devan Santi, il giovane di 38 anni vittima di un incidente avvenuto a Prebenico questa notte poco dopo l'una. Devan, dipendente della Wartsila, marito e padre di famiglia, era in sella alla sua moto quando per cause ancora da accertare, ha perso il controllo ed è finito fuori strada. I sanitari del 118 lo hanno trovato in arresto cardiaco e hanno tentato in tutti i modi di rianimarlo ma, dopo il trasporto in ospedale, Devan non ce l'ha fatta. Una tragedia che colpisce un'intera comunità, quella del comune di San Dorligo della Valle/Dolina. 

Le parole del primo cittadino

"Un dramma per tutto il nostro comune e per la nostra gente" ha affermato il sindaco di Dolina Sandi Klun raggiunto telefonicamente. "Era un ragazzo sempre positivo, disponibile e con grandi programmi per la sua famiglia". Santi stava infatti pianificando anche la costruzione di una casa nuova e si dedicava da qualche tempo alla campagna e alle vigne.

"Faceva anche osmiza - ricorda Klun - e lavorava veramente tanto. Dispiace veramente, faccio fatica a trovare le parole". "Qualche anno fa, prima di sistemarsi in Wartsila aveva fatto anche il caldaista" ha concluso il primo cittadino di Dolina. Devan Santi lascia la moglie e due figli piccoli. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Way of life" vince la Barcolana 51 (FOTO E VIDEO)

  • Accoltellamento in scala dei Giganti: un 17enne italiano in prognosi riservata

  • Barcolana 51: i primi 10 classificati (FOTO)

  • Aggressione a colpi di martello a Ponziana, due persone a Cattinara

  • Giovane di 15 anni confessa l'accoltellamento: l'accusa è di tentato omicidio

  • Le salme di Matteo e Pierluigi arrivate in Questura, allestita la camera ardente

Torna su
TriestePrima è in caricamento