Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca

Dopo i vaccini, il Comune ancora in "difesa" dei più piccoli: corsi gratuiti di manovre di disostruzione pediatriche

Presentato il progetto che vede la collaborazione dei pediatri di libera scelta e la Croce Rossa: il 25% delle morti di infanti è dovuta al soffocamento da corpo estraneo

Il Comune di Trieste e in particolare l'assessorato all'Educazione dimostra ancora una volta di essere all'avanguardia in Italia nella "difesa" dei più deboli, ossia i bambini in tenera età: dopo l'obbligo delle vaccinazioni per accedere alle scuole d'infanzia comunali, è stato presentato il progetto "Proteggi i bambini, costruisci un futuro per i bambini di Trieste sulla disostruzione pediatrica", che pr durata e sforzi non si era mai visto in Italia. Oltre al Comune di Trieste, in particolare l'assessorato di Angela Brandi che mette a disposizione la "location" dei corsi di manovre di disostruzione pediatrica, gli altri promotori e organizzatori sono il Comitato provinciale della Croce rossa italiana, con la presidente Marisa Pallini, i pediatri di libera scelta, come il dottor Andrea De Manzini, e il Dipartimento di Prevenzione dell'Azienda sanitaria, con il direttore Valentino Patussi.

«Un progetto che direi innovativo per quanto riguarda un'Amministrazione comunale - ha sottolineato Angela Brandi, accompagnata anche dalla presidente della V Commissione competente, la forzista Manuela Declich -. L'obiettivo è quello di diffondere la conoscenza delle manovre di primo soccorso in caso di ostruzione delle vie aree dei bambini. Questa come altre iniziative, come il primato sui vaccini, dimostrano il nostro impegno verso la fascia della prima infanzia: un progetto che si rivolge alle famiglie, ma anche a chi si occupa in generale dei bambini come nonni e babysitter per esempio; ma abbiamo intenzione di estendere l'iniziativa anche agli educatori». 

La durata prevista per il progetto è di un anno e prenderà il via il 26 gennaio 2018: si dividerà in due fasi, quella di presentazione dell'iniziativa e di informazione che si svolgerà all'interno degli ambulatori pediatrici e una fase attiva di venti incontri di formazione teorico-pratica, del tutto gratuiti, che si terranno ogni venerdì del mese, dalle 16.30 alle 18.30, caratterizzati da esercitazioni tecniche su manichini, presso il nido comunale Semi di Mela, via Veronese 14, messo a disposizione dal Comune, e per l'occasione attrezzato con spazi di intrattenimento per bambini gestiti da animatori formati della Croce Rossa Italiana. È stato inoltre raccomandato di guardare un video che spiega le manovre corrette via web al link: e poi prenotare un appuntamento per partecipare al corso informativo e di addestramento pratico telefonando al numero della Croce Rossa 040-313131 (il martedì e il giovedì, dalle 16 alle 18).

«I rischi per i bambini sono sempre presenti in casa ed è importante che i genitori sappiano come intervenire – ha detto De Manzini – basti pensare che in Italia, per eventi ostruttivi, si contano 300 morti, di cui 50 di bambini, costituendo il 25% della mortalità per incidente. Grazie alla disponibilità della Croce Rossa con i suoi operatori, possiamo offrire questa opportunità di formazione per intervenire in caso di necessità, e che è estesa a tutti gli interessati, oltre che ai genitori». «Il corso sarà tenuto dai nostri volontari – ha affermato Pallini – che sono preparati ai massimi livelli e costantemente aggiornati». «È fondamentale diffondere questo genere di cultura da parte di chi ha la salute quale missione primaria creando una rete di collaborazione che consenta di risolvere momenti critici proprio attraverso specifiche abilità, anche con la prevenzione - ha sottolineato Vatussi - è importante infatti che nell'ambito domestico si eviti di lasciare a portata del bambino piccoli oggetti che possano rappresentare un potenziale rischio per il bambino».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo i vaccini, il Comune ancora in "difesa" dei più piccoli: corsi gratuiti di manovre di disostruzione pediatriche

TriestePrima è in caricamento