menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Doppio Arresto della Polizia di Frontiera

Due romeni finiti nella rete della polizia di frontiera. Il Primo stava per uscire dall’Italia alla guida di un furgone Renault Master con targa italiana. Il furgone era, però, segnalato ai fini di ricerca nella banca dati delle forze di polizia...

Due romeni finiti nella rete della polizia di frontiera.

Il Primo stava per uscire dall'Italia alla guida di un furgone Renault Master con targa italiana. Il furgone era, però, segnalato ai fini di ricerca nella banca dati delle forze di polizia.

Il conducente del mezzo, un cittadino romeno di 30 anni - C.D.C., le sue iniziali - è stato bloccato l'altra sera a Fernetti dalla Polizia di Frontiera di Trieste.

Soltanto due giorni fa è stata sporta a Milano, da un cittadino italiano, una denuncia di appropriazione indebita del furgone. Quest'ultimo è stato sequestrato dagli agenti della Frontiera.

L'autista romeno, che non ha saputo dare spiegazioni plausibili sul possesso del furgone, è stato indagato a piede libero per ricettazione.

Il secondo, appena rientrato in Italia è finito in carcere per un conto in sospeso con la giustizia italiana. Il ricercato, un cittadino romeno di 20 anni -S.B., le sue iniziali - è stato rintracciato l'altra mattina a Fernetti dalla Polizia di Frontiera di Trieste.

Il giovane viaggiava su un pullman di linea romeno proveniente dalla Slovenia e diretto in Spagna. Dalle verifiche è emerso che il comunitario era destinatario di un ordine di carcerazione emesso circa un mese fa dalla Procura della Repubblica di Torino. S.B. deve, infatti, scontare la pena di un anno e cinque mesi di reclusione per ricettazione.

Il cittadino romeno si trova ora nel carcere di via del Coroneo a disposizione dell'autorità giudiziaria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

"Paga per sbloccare il pacco": la nuova truffa via sms

social

Porzina con senape e kren: la ricetta della tradizione triestina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento