Dpcm: ristoratori e palestre organizzano due proteste pacifiche in piazza Unità

Un flash mob nel pomeriggio di lunedì 26 ottobre e una manifestazione ufficiale organizzata dalla Fipe nella mattinata di mercoledì 28

Foto: Aiello

I gestori di ristoranti, bar e palestre non mandano giù il nuovo Dpcm del Governo Conte e scendono in piazza con due proteste pacifiche. La chiusura anticipata alle 18 per bar e ristoranti e lo stop totale alle palestre non sembra, per queste categorie, un'opzione accettabile, e sono intenzionati a dimostrarlo.

Oggi, lunedì 26 ottobre alle 18 ci sarà quindi una manifestazione a Trieste in Piazza Unità davanti ai palazzi della Comune e della Regione, organizzata da alcuni titolari di attività del settore palestre, bar e ristorazione. Tutti i triestini sono invitati a partecipare. Si tratta in questo caso di un "flash mob" spontaneamente organizzato dai rappresentati delle categorie chiamate in causa, mentre una manifestazione ufficiale organizzata dalla Fipe si terrà nello stesso luogo, davanti al palazzo della Regione, alle 11:30 di mercoledì 28 ottobre. 

"Chiediamo la riapertura immediata dei nostri locali - dichiara Bruno Vesnaver, ex presidente della Fipe, che parteciperà a entrambi i sit in - non accettiamo chiusure e vogliamo aprire alle condizioni di prima, che ci vanno benissimo, anche con i ristoranti aperti fino alle 23, non possiamo aspettare. Abbiamo saputo che ci daranno l'elemosina ma non la vogliamo da nessuno: la parola d'ordine è lavorare, se no si va incontro alla catastrofe sociale". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Individuare i primi segnali di una polmonite con il saturimetro: come funziona e i migliori modelli

  • Il Friuli Venezia Giulia rischia la zona rossa

  • La Regione valuta la stretta: nel mirino il caffè fuori dai bar e le cene tra amici

  • Famiglia "picchiatrice" entra in casa di una coppia e la pesta a sangue: quattro arresti

  • Coronavirus in Fvg: sfiorati i 1200 contagi in un giorno solo

  • Covid in Fvg: quasi 800 nuovi casi e 11 decessi ma i guariti di oggi sono 430

Torna su
TriestePrima è in caricamento