Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca

Dramma e Polemiche al Cie di Gradisca, in due Cadono dal Tetto e uno e Grave

Proprio ieri, dopo l'ennesima giornata di alta tensione, la Presidente Serracchiani si era schierata a favore della chiusura In circostanze ancora da chiarire due degli occupanti del Centro di identificazione ed espulsione sono caduti dal tetto...

Proprio ieri, dopo l'ennesima giornata di alta tensione, la Presidente Serracchiani si era schierata a favore della chiusura

In circostanze ancora da chiarire due degli occupanti del Centro di identificazione ed espulsione sono caduti dal tetto sul quale erano saliti per protestare contro la loro condizione di "detenuti". Da qualche giorno, dopo la sua visita a Gradisca, l'Onorevole Serena Pellegrino sta portando avanti una protesta parallela a quella degli irregolari ospitati dal centro.

I due uomini sono saliti nella notte sul tetto della struttura. Uno dei due, caduto da circa 4 metri, è stato portato d'urgenza all'ospedale di Cattinara in gravi condizioni ed è stato ricoverato in rianimazione. Poco dopo l'ha seguito, anche in questo caso si crede non intenzionalmente, che in condizioni meno gravi dopo la caduta è stato portato all'ospedale di Gorizia.

Grazie alla mediazione dell'Onorevole di Sel Serena Pellegrino con la Prefettura, il clima al'interno della struttra, dopo un weekend di alta tensione, sembrava essersi raffreddato. «La situazione è grave, al limite - ha affermato la Pellegrino -. La Polizia non dovrebbe nemmeno esserci nel Centro».

All'interno del Cie dovrebbero infatti esserci solo gli addetti della cooperativa, che però a loro volta sono in "rivolta" visti i ritardi nei pagamenti e per le condizioni di lavoro sempre più precarie e pericolose (foto di repertorio).

Ad alimentare o sedare il clima di tensione e polemiche ci ha pensato la Presidente Serrachiani che ha dichiarato di schierarsi a favore della chiusura del Cie di Gradisca.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dramma e Polemiche al Cie di Gradisca, in due Cadono dal Tetto e uno e Grave

TriestePrima è in caricamento