Droga, fermato l'ingrosso, numerosi arresti a Udine e Gorizia

L'operazione "Camaleonte" organizzata dal Nucleo radiomobile di Udine ha condotto al sequestro di un ingente quantitativo di droga e all'arresto di diversi grossisti. La merce giungeva in regione dalla Lombardia e, venduta al dettagglio, arrivava a fruttare tra i 9000 e i 1000 euro

Da Udine Today giunge la notizia che l'operazione "Camaleonte" è stata un successo. Il Nucleo operativo radiomobile di Udine ha assicurato alla giustizia un gruppo di spacciatori che agivano come centro all'ingrosso, rifornendo i piccoli spacciatori delle province di Udine e Gorizia.

Il nome dell'operazione deriva dalla capacità del gruppo sgominato di celarsi per evitare di finire nei guai. Il comandante della Compagnia dei Carabinieri Alberto Granà ha illustrato l'operazione dei malviventi che usavano un linguaggio in codice, ad esempio la parola "operaio" identificava il quantitativo di un chilo di droga.

Il totale degli arresti è di sette persone con un sequestro di tre chili di droga che comprendeva marijuana, hashish e e anfetamine.

L'operazione è iniziata nell'agosto scorso col controllo di un udinese di 50 anni, in seguito arrestato in flagranza di reato per detenzione a fini di spaccio di oltre mezzo chilo di marijuana. Le indagini hanno poi condotto ai leader del mercato, due fratelli di 45 e 40 anni rispettivamente di Adegliacco e di Grado, sottoposti a custodia cautelare il 6 febbraio. Le perquisizioni seguite tra Udine e Gorizia hanno poi fruttato di un altro etto di droga e un arresto di un udinese di 37 anni.

La merce arrivava dalla Lombardia, precisamente da Milano, e veniva rivenduta all'ingrosso in Friuli Venezia Giulia a circa 2000/2500 euro al chilo. Nella vendita al dettaglio tale quantitativo fruttava tra i 9000 e i 10000 euro.

arresti_droga_udine_gorizia_operazione_camaleonte-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cappotto, come scegliere il modello giusto in base alla tua silhouette

  • Malore durante l'allenamento in palestra, salvata da un infermiere in pensione

  • Bimbo cammina in fondo alla chiesa, alcuni fedeli "cacciano" lui e la madre

  • Trieste e Vienna sempre più vicine: in arrivo il nuovo collegamento ferroviario

  • Mano pesante del Questore, giù le serrande del Mc Donald's per una settimana

  • Acqua alta sulle rive e piazza Unità, allagamenti anche a Muggia e Grado (FOTO)

Torna su
TriestePrima è in caricamento