menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Maxi operazione droghe leggere: 36 arresti e 35 kg sequestrati

In un anno di indagini la Guardia di finanza ha smascherato una complessa organizzazione criminale radicata a Roma, Milano e Torino, e un traffico da mezzo milione di euro

Nel corso dell’ultimo anno, le unità operative del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Trieste hanno concluso un articolato servizio volto al contrasto del traffico delle cosiddette “droghe leggere”, che ha complessivamente portato al sequestro di oltre 35 chili tra hashish e marjuana ed all’arresto di 36 responsabili.

L'operazione

L’operazione, avviata nel 2017, ha accertato il coinvolgimento nei traffici illeciti di 77 persone di nazionalità italiana ed extracomunitaria, di cui 36 arrestati e associati alle locali case circondariali, 8 denunciati per episodi di piccolo spaccio e 33 segnalati amministrativamente alle competenti Prefetture per violazione dell’art. 75 D.P.R. 309/90. La Procura di Trieste, retta dal Procuratore Distrettuale Antimafia, Carlo Mastelloni, ha prontamente avviato approfondite indagini, dirette dal Sostituto Procuratore, dottor Federico Frezza, finalizzate ad individuare ulteriori soggetti dediti allo spaccio di stupefacenti nella piazza locale. 

Smantellata rete di spaccio tra Venezia e Trieste

Una complessa organizzazione

A seguito di specifici approfondimenti investigativi espletati anche con l’ausilio di indagini tecniche, è stata individuata una complessa organizzazione criminale radicata a Roma, Milano e Torino, che utilizzava treni ed autobus di linea per far giungere le sostanze stupefacenti, tipo hashish e marijuana, nelle città del nord-est italiano, tra cui Trieste. Sono stati svolti circa 70 controlli su oltre 30 convogli ferroviari anche con l’ausilio delle unità cinofile che hanno interessato complessivamente oltre 100 soggetti.

Corrieri extracomunitari

Gli accertamenti hanno consentito di individuare delle persone di nazionalità estera che, servendosi di corrieri extracomunitari, inviavano nelle province del triveneto (Udine, Verona, Bolzano, Gorizia e Trieste) ingenti quantitativi di stupefacenti. Alcuni dei responsabili sono stati arrestati a bordo di treni notturni, diretti verso il territorio austriaco, poco prima di attraversare il confine di Tarvisio.

Sabato notte tra arresti e denunce

Involucri alla menta

L’hashish e la marijuana sequestrati erano spesso occultati all’interno di bagagli ed inseriti in involucri imbevuti con liquidi profumati di menta, per cercare di renderne più difficoltosa l’individuazione in caso di controlli con le unità cinofile antidroga.

"Ricchezze opache"

L’operazione di servizio è stata attuata nell'ambito della lotta al traffico di sostanze stupefacenti che va ad incrementare le cosiddette “ricchezze opache” e che può favorire il finanziamento al terrorismo. La Guardia di Finanza si pone come fondamentale presidio di tutela della sicurezza statale nonché della salute dei cittadini.

Gli arresti

Le persone coinvolte nelle attività delittuose in parola, a seconda del ruolo svolto, sono state arrestate per il reato di traffico di sostanze stupefacenti aggravato dall'ingente quantitativo, o per spaccio destinato a minorenni. Tutta la droga sequestrata, se immessa sul mercato, avrebbe fruttato all’organizzazione criminale oltre mezzo milione di euro.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La ricetta della torta mimosa per festeggiare le donne

social

Cucina di mare: la ricetta delle canocie in busara

Cura della persona

Scrub fai da te: la ricetta super naturale per labbra perfette

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Vaccini a quota 134mila dosi, in arrivo l'accordo per l'esercito

  • Cronaca

    Covid in Fvg: balzo della percentuale, tra test e positivi è sopra l'11

  • Cronaca

    Usa un terreno a Campanelle come "discarica abusiva": 600 euro di multa

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento