menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Due latitanti arrestati a Fernetti: uno doveva scontare più di 2 anni

Erano ricercati per reati contro il patrimonio e furti in abitazione

Arrestati la scorsa notte a Fernetti dalla Polizia di frontiera mentre cercavano di rientrare in Italia, e ora sono rinchiusi nel carcere locale. Si tratta di un cittadino romeno, G.V.C. di 46 anni, e di un cittadino albanese, V.A. di 34 anni, arrestati in due distinti controlli. Il primo era destinatario di un ordine di carcerazione emesso lo scorso novembre dalla Procura di Milano. Il secondo era, invece, destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere disposta nell’aprile 2015 dal Tribunale Ordinario di Modena. Il cittadino comunitario deve scontare due anni e quattro mesi di reclusione per reati contro il patrimonio, mentre il cittadino albanese è ritenuto responsabile di furti in abitazione.

Il cittadino romeno è stato identificato a bordo di un autobus proveniente dalla Romania e diretto in Francia; il cittadino albanese, invece, viaggiava su un autobus partito da Vienna con destinazione Venezia. All’arresto del cittadino comunitario ha partecipato il personale militare del Reggimento Piemonte Cavalleria di Trieste, che ormai da oltre due anni collabora con la Polizia di Frontiera nell’ambito dell’Operazione Strade Sicure.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Fondo Ambiente Italiano: eletto il luogo più bello d'Italia

social

Il Monviso fotografato da 270 chilometri: la foto è subito virale

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid, il Friuli Venezia Giulia rimane in zona gialla

  • Cronaca

    Porto vecchio: variante urbanistica nell'Accordo di programma, sì agli investimenti

  • Cronaca

    Presidente del Consiglio regionale positivo al Covid: "Sto bene"

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Fondo Ambiente Italiano: eletto il luogo più bello d'Italia

  • Arredare

    Letto con box contenitore: modelli, costi e vantaggi

Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento