Le ricerche

Bruno e Stanka svaniti nel nulla da giorni, ricerche tra Carso e città

L'anziano Bruno Makarovic e la sessantanovenne Stanka Mokole non si trovano e risultano dispersi da molti giorni. Ricerche a Borgo San Sergio e sul Carso. La questura: "Aiutateci a ritrovare il signor Bruno". Per la Mokole campo base delle ricerche a Sales. Impegnato anche il Soccorso alpino

TRIESTE - Ci sono due persone scomparse tra la città e il Carso. La prima è Bruno Makarovic, ottantaquattrenne scomparso dalla casa di riposo Santa Chiara di via Maovaz, nel rione di Borgo San Sergio, cinque giorni fa. L'altra è Stanka Mokole, scomparsa due giorni fa dalla sua abitazione di Sales, in comune di Sgonico. Makarovic soffre di demenza senile, mentre la Mokole è malata di Alzheimer. Il primo lo hanno cercato per giorni, nei dintorni del rione dove risiedeva, ma di lui vi sono pochissime tracce e altrettante informazioni su dove possa essere andato; nel secondo caso il terreno si fa ancora più tortuoso, visto che nelle zone boschive del Carso non vi sono impianti di videosorveglianza, né tecnologie capaci di restringere il campo di ricerca. 

Le ricerche in Carso

Nella giornata di oggi 18 giugno si è continuato a cercare. Le ricerche a Borgo San Sergio sono andate in scena in formazione ridotta, mentre grande è stato lo spiegamento di forze nella zona di Precenicco (dove viveva la Mokole). "Si continuerà a cercare ad oltranza" han fatto sapere dal Soccorso alpino, impegnato assieme ai vigili del fuoco, protezione civile e forze dell'ordine nell'operazione non semplice di ritrovare la sessantanovenne. Una ventina i tecnici del Cnsas, con 11 speleologi per la perlustrazione di cavità carsiche. Ma è soprattutto sulla vicenda dell'ottantaquattrenne di Borgo San Sergio che rimangono alcuni interrogativi.  

Gli interrogativi

Perché un anziano che vive in una casa di riposo riesce ad andarsene dalla struttura dove è ospite senza che nessuno si renda conto della sua fuga? Se lo chiedono in tanti dalle parti di Borgo San Sergio, anche se per quanto riguarda Bruno Makarovic, l'ottantaquattrenne svanito nel nulla ormai sei giorni fa, non sembra sia la prima volta. Il particolare non aggiunge nulla alle preoccupazioni che attanagliano i famigliari dell'uomo, molto conosciuto nei rioni periferici triestini, ma la domanda serve ad appurare eventuali responsabilità. Ad indagare sulle sorti dell'anziano è il Commissariato di San Sabba. Al momento le ricerche dell'uomo non hanno dato alcun esito. 

La traccia di via Grego

Ma nella mattinata di oggi c'è stata una possibile svolta. I tre cani hanno indicato il percorso fatto dal Makarovic. Non sappiamo quando sia stato percorso. I famigliari hanno dato una giacca dell'anziano ai volontari dell'Associazione nazionale polizia di Stato impegnati nelle ricerche. I cani l'hanno annusata e si sono messi sulle tracce dell'uomo. La traccia ha quindi condotto verso via Grego, comprensorio Ater delle cosiddette case dei puffi. Un condominio in particolare, nel retro della struttura. Il dettaglio potrebbe però anche essere antecedente alla scomparsa del Makarovic, visto che i famigliari lo accompagnavano spesso a fare delle passeggiate nei dintorni. "La traccia potrebbe essere vecchia" così uno dei volontari impegnati. Il comprensorio di via Grego è enorme e per cercare una persona lì dentro ci vuole tempo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bruno e Stanka svaniti nel nulla da giorni, ricerche tra Carso e città
TriestePrima è in caricamento