Cronaca

Economia, parte il piano da 7 milioni di euro per rilancio aree colpite da crisi

La Giunta regionale ha approvato un pacchetto di interventi per aree territoriali colpite da crisi diffusa

Con tre distinte delibere, proposte dal vicepresidente e assessore alle Attività produttive, Sergio Bolzonello, la Giunta regionale ha approvato in via preliminare un pacchetto di interventi che interessano le aree territoriali colpite da crisi diffusa dell'Isontino, del distretto del Mobile e del distretto della sedia.

I tre provvedimenti rientrano nel quadro dell'azione pilota 2.2 del Programma operativo del Fondo europeo di sviluppo regionale POR-FESR 2014-2020, che punta al rafforzamento delle attività manifatturiere in aree di crisi, attraverso interventi territorialmente mirati, finalizzati al recupero della competitività, alla conservazione dei livelli occupazionali e alla valorizzazione del territorio.

Come spiega Bolzonello, gli interventi di sostegno si concretizzeranno in tre specifici e dettagliati "piani di rilancio", che sono il frutto delle proposte maturate ai  tavoli di partenariato socio-istituzionale e socio-economico locale istituiti con gli Enti territoriali, le Associazioni datoriali e le Organizzazioni sindacali per ciascuna area di crisi diffusa. Complessivamente sono a disposizione nel periodo di programmazione del POR-FESR sette milioni di euro.

«La Giunta regionale - indica Bolzonello - si prefigge in questo modo di rafforzare il tessuto di piccole e medie imprese che caratterizza le tre aree, con azioni sinergiche alle altre misure previsto dal POR. Si tratta di  iniziative di promozione dell'internalizzazione, di sostegno all'innovazione del processo produttivo, alla riorganizzazione aziendale, alla
diversificazione produttiva  e al riposizionamento strategico. Non senza contributi finalizzati alla creazione di nuova impresa, al miglioramento ambientale e energetico, agli  investimenti nel settore della nautica da diporto e nel suo indotto e a consentire le consulenze a favore delle imprese industriali". Non solo: "per la maggior parte di queste iniziative sono previsti ulteriori incentivi per le aziende che incrementeranno l'occupazione».

I provvedimenti decisi oggi si collocano nel contesto di un settore manifatturiero regionale che, negli anni più recenti, ha maggiormente sofferto rispetto agli altri delle conseguenze della crisi economica in termini di contrazione della produzione, di impoverimento del tessuto produttivo, di pesanti ricadute a livello occupazionale, di flessione nelle vendite sia nei mercati esteri sia nel mercato interno.

L'azione di sostegno dei piani sarà accompagnata dall'attività promozionale sul territorio svolta dall'Agenzia investimenti, istituita con la L.R. 3/2015 "Rilancimpresa", attraverso il
programma di marketing territoriale. All'inizio del 2017 saranno predisposti i bandi relativi ai tre piani di rilancio. Da quel momento potranno essere presentate le istanze di contributo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Economia, parte il piano da 7 milioni di euro per rilancio aree colpite da crisi

TriestePrima è in caricamento