menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elezioni OPI, la lista "Infermieri Innovazione e cambiamento: l’Ordine che vorrei" si presenta

Tutti i candidati, con ruoli e funzioni diverse, sono impegnati a valorizzare l’Infermieristica "quotidianamente e concretamente".

Mancano pochi giorni alle Elezioni 2020 dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Trieste che si terranno 19 e il 20 settembre. Quest’anno si presenta all'Ordine la nuova lista  di “Infermieri Innovazione e cambiamento: L’Ordine che vorrei“, con un programma che promuove nuove idee e partecipazione allargata. "Ci siamo mossi dopo l’invito di molti colleghi che chiedevano un nuovo gruppo rappresentativo per genere, età, competenze, esperienze e specificità professionali" hanno dichiarato i candidati. Sono rappresentate l’area Geriatrica, Emergenza, Ospedaliera per adulti e Materno Infantile, Territorio, Privato e Formazione Universitaria. Tutti i candidati, con ruoli e funzioni diverse, sono impegnati a valorizzare l’Infermieristica "quotidianamente e concretamente".

"La tutela degli Infermieri è una responsabilità che ci siamo dati unita alla valorizzazione, sviluppo e riconoscimento di quanto fanno per i cittadini. Istituiremo - continuano - uno sportello di ascolto di esigenze, problematiche e dubbi per cittadini ed iscritti. Incrementeremo i rapporti con cittadinanza ed associazioni. Crediamo negli incontri con la comunità. Puntiamo allo sviluppo e alla promozione dell'identità e dell'immagine dell’Infermiere. Vigileremo con azioni a garanzia del decoro e della tutela della professione. Il confronto con le diverse realtà sociosanitarie del territorio, pubbliche e private, la promozione di modelli organizzativi che esprimano al meglio ruolo, funzione, responsabilità e competenze dell’Infermieristica rientra tra i nostri obiettivi".

"Avremo un servizio di rilevazione delle competenze di area clinico-assistenziale, manageriale ed organizzativa per rispondere con mirati eventi formativi. Puntando alla partecipazione trasversale dei colleghi interessati ed esperti - aggiungono - avvieremo gruppi di lavoro su tematiche ad alta valenza assistenziale. l'Infermieristica Triestina ha radici competenti e profonde. Ha partecipato e partecipa da protagonista in tutte le espressioni sanitarie per le quali il territorio Triestino si è dimostrato e continua a dimostrarsi innovativo. L’area della salute mentale, pediatrica, cardiologica, distrettuale e comunitaria, un’assistenza basata sul diritto a cure adeguate ed appropriate… sono solo alcuni esempi che insieme a molti altri continuano a caratterizzare l’offerta di cura a Trieste. Da qui organizzeremo la prima Conferenza dell’Infermieristica Triestina, nel rispetto delle regole COVID, puntando a implementare il programma con modalità condivise e partecipate".

"Raccoglieremo idee e disponibilità, riflessioni e proposte. Definiremo insieme obiettivi, raggiungibilità e tempistiche. Puntiamo a un OPI aperto e partecipato, innovativo e costruttivo. Partecipando possiamo farcela. Integrazione e sinergia tra Infermieri ed istituzioni - concludono - rappresenta una chiave di volta decisiva per la Cura dei cittadini" .

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Maskne: cause e rimedi per combattere la nuova acne da mascherina

social

Cucina triestina: la ricetta del baccalà mantecato

social

Cucina triestina: la ricetta dei sardoni in savòr

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Veicoli Commerciali

    Mezzi pesanti: regole e limiti di velocità

  • Scuola

    Metodo di studio: i consigli per memorizzare in poco tempo

Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento