L'operazione

Emilia-Romagna, il Comune avvia una raccolta di fondi e di beni per le città alluvionate

L'iniziativa, denominata "TER. Trieste-Emilia Romagna - Raccolta di beni di prima necessità per le città alluvionate dell'Emilia Romagna", è stata presentata in una conferenza stampa. Attivi dal 3 giugno i centri di raccolta dei generi nuovi di prima necessità da poter conferire entro giovedì 8 giugno

TRIESTE - Il Comune di Trieste ha avviato un'operazione di solidarietà per sostenere le città alluvionate dell'Emilia-Romagna. L'iniziativa, denominata "TER. Trieste-Emilia Romagna - Raccolta di beni di prima necessità per le città alluvionate dell'Emilia Romagna", è stata presentata in una conferenza stampa. Presenti, tra gli altri, l'Assessore al Bilancio, Programmazione finanziaria, Tributi e Project Financing Everest Bertoli, dell'Assessore alla Polizia Locale e Sicurezza, Maurizio De Blasio e il comandante della Polizia Locale, Walter Milocchi.

Nel mese di maggio, parte del territorio dell'Emilia-Romagna e alcuni comuni delle Marche sono stati colpiti da eventi meteorologici di grande intensità, che hanno causato gravi danni e la necessità di evacuare numerose famiglie dalle loro abitazioni. Di fronte a questa situazione di emergenza, il Consiglio dei Ministri ha dichiarato lo stato di emergenza per 12 mesi. Il Comune di Trieste ha attivato la propria unità di crisi, già operativa per gli aiuti umanitari verso la città ucraina di Mykolaiv, al fine di fornire assistenza e supporto ai comuni colpiti dall'alluvione. Ciò include l'invio di personale tecnico-amministrativo e della Polizia Locale nelle aree interessate, nonché la raccolta e l'acquisto di beni di soccorso e di prima necessità. La Protezione Civile della sezione Associazione Nazionale Alpini di Trieste supporterà il trasporto delle merci verso le zone alluvionate.

Come e cosa donare 

Il Comune di Trieste ha contattato diverse amministrazioni comunali dell'Emilia-Romagna per stabilire le necessità immediate e ha predisposto una lista di beni richiesti. I cittadini che desiderano partecipare all'iniziativa potranno donare tali beni presso il Mercato Ortofrutticolo di Via Giulio Cesare 6, dalle ore 15.30 alle 19.00 tutti i giorni (domenica compresa) da sabato 3 giovedì 8 giugno. 

Di seguito l'elenco dei generi richiesti dai Comuni colpiti dall'alluvione:

  • generi alimentari a lunga conservazione;
  • prodotti per l'igiene della persona: carta igienica, bagnoschiuma, shampoo, spazzolini e dentifrici, sapone, spazzole per capelli, asciugamani, accappatoi, teli, biancheria intima;
  • prodotti per la pulizia, l’igiene della casa e sgombero: detersivo per pavimenti, sgrassatore universale, detersivi pulizia bagno, candeggina, stivali, guanti (da lavoro, lattice, cucina), pale, secchi, scoponi, caschi, spugne, stracci, mocio, rotoli scottex, tira acqua, tute da lavoro, occhiali protettivi, carriole, spazzoloni, cassette di plastica.

Si ricorda infine che per sostenere le popolazioni colpite dell’Emilia Romagna sono stati attivati i seguenti conti correnti:

Regione Emilia-Romagna (https://www.regione.emilia-romagna.it/)
Iban: IT69G0200802435000104428964
Causale: "ALLUVIONE EMILIA-ROMAGNA"
codice Bic Swift: UNCRITM1OM0

e

ANCI - Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (https://www.anci.it/)
Iban: IT20N0623003202000057138452
Causale “PER I COMUNI COLPITI".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emilia-Romagna, il Comune avvia una raccolta di fondi e di beni per le città alluvionate
TriestePrima è in caricamento