menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto: Aiello

Foto: Aiello

Evitarono il peggio: premiati quattro agenti della Polizia Locale

Un esercente aggredito e una donna "armata" di tizzoni ardenti: due episodi dalle conseguenze potenzialmente tragiche, evitate in tempo grazie all'intervento dei quattro agenti. Dipiazza: "Grazie per la vostra professionalità"

Un encomio del sindaco Dipiazza è stato conferito questa mattina in Municipio a quattro operatori della Polizia Locale che hanno partecipato a due interventi particolarmente delicati, sventando il peggio. La consegna delle pergamene è avvenuta nel salotto azzurro alla presenza del vicesindaco Paolo Polidori e del comandante Walter Milocchi. 

Gli episodi

Il primo episodio è avvenuto il 15 dicembre 2020 a Borgo San Sergio e ha visto protagonisti l'Ispettore capo Stefano Trevisan e l’Assistente scelto Luca Bianco. “I due agenti stavano effettuando dei controlli davanti alla scuola e hanno visto due giovani assalire un esercente, riuscendo ad arrestare i due che avevano causato anche danni all’interno del bar”. 

“Il secondo intervento – ha spiegato poi Milocchi - è avvenuto in Porto Vecchio lo scorso 19 gennaio, e in questa occasione sono intervenuti gli Ispettori capi Alessandro Canelli e Alessandro Francioli, che si sono trovati davanti una donna senza fissa dimora soggetta ad alcuni provvedimenti non rispettati e che ha reagito all’intervento in maniera violenta, brandendo dei tizzoni ardenti. In questi casi la professionalità dei colleghi ha fatto sì che la donna venisse immobilizzata senza che nessuno si facesse male. Ringrazio il sindaco per questo gesto di gratitudine”.

“Quello che state facendo è essenziale per la nostra città – ha dichiarato Dipiazza -, dove fortunatamente non succedono spesso eventi gravi. Grazie soprattutto per l’attività che svolgete contro la droga, un altro serio problema nei confronti dei giovani. Sappiamo che per quanto riguarda questo tipo di crimini esistono situazioni di grande degrado”.

A325B03E-40A1-4F3B-98E6-D566FE75B25C-2 3B5E082F-7F42-4139-A002-653488BE14F8-2 EC0938E8-2471-4E15-943E-0C221CEF029E-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

"Brodo brustolà", antica ricetta della tradizione contadina triestina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento