Cronaca

Energia: mozione a favore dei morosi in difficoltà economica

Primo firmatario il consigliere Roberto Cason della Lista DiPiazza: "Oggi chi subisce uno 'stacco' per morosità deve pagare interamente l'importo dovuto e sempre più utenti non hanno la possibilità di pagare il totale dovuto facendo, conseguentemente, ricorso ai Servizi sociali"

Approvata in Consiglio comunale una mozione per riattivare le utenze di energia elettrica interrotte causa morosità  a famiglie in difficoltà economica. Primo firmatario il consigliere Roberto Cason della Lista DiPiazza. Attualmente, ha spiegato Cason,  chi subisce uno "stacco" dell'energia elettrica per morosità (riduzione della potenza impegnata al minimo essenziale: 15%) è tenuto a pagare interamente l'importo dovuto e, putroppo, ci sono sempre più casi di utenti che non hanno la possibilità di pagare il totale dovuto facendo, conseguentemente, ricorso ai Servizi sociali.

Esiste già un protocollo tra il Comune e il gruppo Hera, che include la dilazione di pagamento degli arretrati ma non prevede che ciò possa avvenire dopo lo "stacco" Inoltre, dopo l'avvio del cosiddetto "mercato libero" il Comune di Trieste non ha ancora sottoscritto protocolli d'intesa simili con gli altri venditori di energia elettrica/gas, a cui molti utenti si stanno rivolgendo.

Le richieste

Considerato che, attualmente, l'utente moroso non riceve una comunicazione con la data effettiva di inizio della riduzione di potenza dell'energia elettrica dell'85%, la mozione chiede che sia inviata una comunicazione formale all'utente moroso della data effettiva di avvio della riduzione di potenza. Sì chiede inoltre che per gli utenti con accertata situazione di disagio economico (Isee) e, per la riattivazione al 100% della potenza a seguito del semplice perfezionamento dell'accordo di rateizzazione, contestuale al pagamento della prima rata, senza pretendere il pagamento dell'intero importo.

Le informazioni ai cittadini sulla possibilità di rateizzare gli arretrati delle utenze verranno pubblicate sul sito del Comune di Trieste, sezione Servizi Sociali. Nei prossi giorni i Servizi sociali, con l'assessore Carlo Grilli (che ha condiviso la mozione), dovranno sentire i referenti del gruppo Hera nonchè gli altri venditori per stipulare gli accordi, previa accettazione di quanto richiesto dal Consiglio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Energia: mozione a favore dei morosi in difficoltà economica

TriestePrima è in caricamento