"Se non paghi ti bruciamo il motorino", denunciati due giovani

L'episodio è avvenuto lo scorso venerdì 20 settembre a Trieste. Il motorino era stato rubato qualche ora prima e subito dopo il proprietario era stato contattato da un numero di telefono albanese che gli chiedeva dei soldi in cambio. Nei guai un minorenne e un ragazzo kosovaro del 2000

La zona dove sono stati fermati i giovani denunciati per estorsione e ricettazione

Rubano un motorino, rintracciano il proprietario e minacciano di bruciare il mezzo a due ruote dopo avergli chiesto dei soldi. Due giovani - un minorenne e un cittadino di origine kosovara di 19 anni - sono stati denunciati per i reati di concorso in estorsione e ricettazione a Trieste venerdì 20 settembre. Ad intervenire in viale XX settembre sono stati gli uomini del Nucleo di Polizia Giudiziaria della Polizia Locale dopo che la vittima aveva segnalato il furto avvenuto il giorno precedente. 

La vicenda 

Il proprietario del Yamaha Tmax si accorge che il motorino gli è stato rubato e poco dopo riceve una telefonata da un numero albanese. Dall'altra parte del telefono un interlocutore gli chiede dei soldi - la cifra non è stata comunicata dalla Procura della Repubblica - in cambio della restituzione del veicolo. Il proprietario, presumibilmente, chiede spiegazioni e così gli viene inviata una foto delle chiavi del Yamaha e le "istruzioni da seguire per il pagamento". 

Il messaggio evidenzia chiaramente la minaccia. Senza i soldi avrebbero provveduto a bruciare lo scooter.  E' in quel momento che il proprietario, intenzionato a rientrare in possesso del motorino, si reca in zona san Giusto dove consegna il denaro ad un complice della persona che poco prima gli aveva telefonato. Vengono restituite le chiavi e il mezzo. 

"Qualche ora dopo - si legge nella nota - il proprietario del veicolo riconosceva in zona viale XX Settembre l’individuo a cui aveva consegnato il denaro mentre camminava in compagnia di altre tre soggetti; la segnalazione fatta alla Polizia Locale nel merito di quanto stava succedendo permetteva agli operatori di intervenire tempestivamente e bloccare immediatamente tre dei soggetti all’altezza del Politeama Rossetti". 

La quarta persona, vale a dire chi aveva ricevuto il denaro dal proprietario, è stato fermato qualche minuto dopo in zona piazza Goldoni. Il ragazzo si era infatti separato dal gruppetto poco prima dell'arrivo degli uomini della Polizia Locale. "A seguito delle informazioni acquisite dagli agenti veniva ben presto ricostruita l’esatta dinamica degli eventi e in conseguenza di ciò un minorenne e un cittadino kosovaro del 2000 K.A. le sue iniziali, venivano deferiti all’Autorità Giudiziaria per i reati di ricettazione e concorso in estorsione". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Come ottenere la carta d'identità elettronica a Trieste

  • Caso positivo fa scattare una trentina di tamponi a Trieste: altri sette contagi

  • Scomparsa una bambina di sei anni in Carso: ricerche in corso

  • La Polizia Locale piange Sergio Zucchi, il vigile buono e dal grande impegno civico

  • Tutti i nuovi contagi sono fuori Trieste, nessun decesso in Fvg

Torna su
TriestePrima è in caricamento