menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ex Allievi della Scuola di Polizia di San Giovanni, dopo 35 anni a Trieste: gioia e commozione

La nostra affettuosa accoglienza e la loro evidente gioia per il ritorno a Trieste, questi gli ingredienti principali dell'incontro svoltosi ieri pomeriggio in Municipio, dove il Sindaco Roberto Cosolini ha ricevuto un folto gruppo di ex Allievi del 72° Corso Guardie di P.S. tenutosi tra l'ottobre 1980 e l'aprile 1981 alla Scuola di Polizia di San Giovanni

La nostra affettuosa accoglienza e la loro evidente gioia per il ritorno a Trieste, questi gli ingredienti principali dell'incontro svoltosi ieri pomeriggio in Municipio, dove il Sindaco Roberto Cosolini ha ricevuto un folto gruppo di ex Allievi del 72° Corso Guardie di P.S. tenutosi tra l'ottobre 1980 e l'aprile 1981 alla Scuola di Polizia di San Giovanni.

Giunti in circa un centinaio, con familiari al seguito (tra i quali anche diversi piccoli nipotini), volendo rivedere, e mostrare ai loro congiunti, la città e la Scuola dove ebbe inizio, esattamente 35 anni fa, la loro “vita in Polizia” (e la gran maggioranza di loro è tuttora in servizio), i graditi ospiti sono stati accolti dal primo cittadino nella storica Sala del Consiglio Comunale.

Ed è qui che l'Ispettore Capo Stefano Messina, “portavoce” del gruppo e organizzatore di questo “viaggio dei ricordi”, ha voluto esprimere all'intera Città, per tramite del Sindaco, tutta l'emozione per l'aver ritrovato i luoghi che li vide, allora ragazzi, diciottenni o poco più, iniziare con profitto e con i primi basilari insegnamenti, la loro vicenda umana e professionale al servizio dello Stato e della comunità; e quindi rimarcare la viva felicità per questo “ritorno”, uniti alle loro famiglie, e  l'apprezzamento per questa città e per la popolazione che allora li accolse con grande amicizia. 2015_29431 stampa-2

Il Sindaco Cosolini, complimentandosi per la bella iniziativa, ha rivolto a tutti il benvenuto e l'augurio “per un piacevole re-incontro con Trieste in questa 'tre giorni'” (iniziata venerdì e che si protrarrà fino a domani, domenica, n.d.r.), ringraziando quindi i poliziotti presenti per il loro “lungo impegno, in questi 35 anni, per la sicurezza nel nostro Paese e a garanzia del suo benessere e vivere civile, svolgendo perciò una funzione importantissima e oggi, forse ancor più di ieri, sentita come indispensabile da tutti i cittadini.”

Con riconoscenza quindi “per tutto l'affetto che state dimostrando a Trieste” e con l'auspicio di “una vostra futura e sempre gradita visita e di un futuro sereno per tutti noi e per il nostro Paese”, il Sindaco Cosolini ha infine donato al gruppo una bella targa ricordo di questo speciale incontro,  che l'Ispettore Messina, simbolicamente riassumendo tutti questi sentimenti, ha ricambiato con una statuetta raffigurante San Michele Arcangelo, patrono della Polizia di Stato.

Successivamente il gruppo si è recato in Prefettura, mentre stamattina ha partecipato alla cerimonia ufficiale commemorativa che si è svolta alla Scuola di San Giovanni, dove, tra l'altro – hanno riferito gli ospiti - è stata celebrata una S. Messa officiata proprio da un ex membro della Polizia, padre Filippo Di Francia, che poi optò per un'altra “divisa”, quella dell'Ordine Francescano, ma evidentemente restando sempre legato agli ex colleghi di un tempo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

"Brodo brustolà", antica ricetta della tradizione contadina triestina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento