Cronaca

Fase 2, dal 3 giugno l'Italia riapre le frontiere

Palazzo Chigi ha comunicato che dal prossimo 3 giugno sarà possibile raggiungere l'Italia per tutti i cittadini Ue senza distinzioni, senza quarantena e senza autocertificazione

Dal 18 maggio riaprono le attività e dal 3 giugno anche le frontiere. Come spiegato da una nota di Palazzo Chigi, collegata al dl quadro che definisce le linee guida della fase 2, dal prossimo 3 giugno sarà possibile raggiungere l'Italia per tutti i cittadini Ue senza distinzioni, senza quarantena e senza autocertificazione.

"A decorrere dal 3 giugno 2020 - si legge - gli spostamenti tra regioni diverse potranno essere limitati solo con provvedimenti statali adottati ai sensi dell’articolo 2 del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, in relazione a specifiche aree del territorio nazionale, secondo principi di adeguatezza e proporzionalità al rischio epidemiologico effettivamente presente in dette aree".

Tali norme varranno anche per gli spostamenti da e per l’estero, che potranno essere limitati solo con provvedimenti statali anche in relazione a specifici Stati e territori, secondo principi di adeguatezza e proporzionalità al rischio epidemiologico e nel rispetto dei vincoli derivanti dall’ordinamento dell’Unione europea e degli obblighi internazionali. Saranno comunque consentiti gli spostamenti tra la Città del Vaticano o la Repubblica di San Marino e le regioni confinanti", si legge ancora nella nota.“
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fase 2, dal 3 giugno l'Italia riapre le frontiere

TriestePrima è in caricamento