menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sovrasfruttamento risorse ittiche, Federcoopesca Fvg: accordo per cassa integrazione in deroga

La cig in deroga per la pesca è uno strumento essenziale per il sostegno al reddito dei lavoratori del comparto, colpiti dal fermo pesca che interessa l’Alto Adriatico per diversi mesi all’anno, a causa del sovrasfruttamento delle risorse ittiche. Durante questo periodo di inattività gli armatori ricevono un indennizzo

È stato firmato l’accordo per la cassa integrazione (cig) in deroga a beneficio dei lavoratori del comparto della pesca del Fvg. L’accordo è stato sottoscritto – alla presenza della Direzione marittima per il Fvg - dalle organizzazioni della pesca (Federcoopesca Confcooperative, Legapesca, Agci Agrital, Federpesca) e quelle sindacali (Flai Cgil, Fai Cisl, Uila Uil). Ad annunciarlo, Fabrizio Regeni, presidente di Federcoopesca Confcooperative, associazione di categoria che, per l’intero comparto pesca della regione, ha organizzato e promosso le procedure che hanno portato alla sottoscrizione dell’importante accordo.

La cig in deroga per la pesca è uno strumento essenziale per il sostegno al reddito dei lavoratori del comparto, colpiti dal fermo pesca che interessa l’Alto Adriatico per diversi mesi all’anno, a causa del sovrasfruttamento delle risorse ittiche. Durante questo periodo di inattività gli armatori, cioè i proprietari delle barche, ricevono un indennizzo: per i lavoratori del settore la cig in deroga costituisce quindi l’unico strumento di sostegno al reddito durante la sosta forzata dell’attività di pesca.

L’accordo, valido per il 2015, consentirà ora l’avvio delle procedure per l’erogazione dei trattamenti ai lavoratori del comparto interessati dai provvedimenti di cassa integrazione. Il provvedimento, inoltre, copre non solo i periodi di fermo pesca programmata (il c.d. “fermo pesca biologico”, cioè un periodo in cui le barche dei pescatori si fermano e non pescano per permettere ala risorsa pesce di riprodursi), ma anche i fermi pesca intervenuti nel corso dell’anno per altre cause (mancanza di pesce o maltempo).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Fondo Ambiente Italiano: eletto il luogo più bello d'Italia

social

Torta morbida cioccolato e cannella: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento