menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ferriera, Zullo (M5S): «Gli interessi economici prevalgono sul diritto alla salute»

L'europarlamentare del Movimento 5 Stelle non è d'accordo con il rilascio dell'Aia, autorizzazione integrata ambientale, da parte della Regione alla Ferriera di Servola: «Le restrizioni imposte sulle emissioni non garantiscono affatto la tutela della salute dei residenti». L'inquinamento della zona è rimasto invariato e le fuoriuscite continuano a preoccupare gli abitanti

«Ancora una volta, in maniera coscientemente miope, si è deciso di far prevalere gli interessi economici sul diritto alla salute dei cittadini». Marco Zullo, europarlamentare del Movimento 5 Stelle, commenta così il prossimo rilascio da parte della Regione dell’autorizzazione integrata ambientale (Aia) al reparto siderurgico della ferriera di Servola, a Trieste. «Le restrizioni imposte sulle emissioni non garantiscono affatto la tutela della salute dei residenti del quartiere, alle prese da anni con l’ingombrante presenza dello stabilimento oggi di proprietà della Siderurgica Triestina - indica ancora Zullo».

Fumi, odori, ma soprattutto il preoccupante deposito di polveri costituiscono gli effetti direttamente percepibili dalle famiglie triestine che risiedono nel rione di Servola, dove negli anni si sono moltiplicati i casi di patologie oncologiche sulle cui cause più di qualcuno preferisce sorvolare». «Chi dovrebbe garantire la salute dei cittadini - aggiunge l'europarlamentare -, ovvero il sindaco Cosolini e la presidente della Regione Serracchiani, oggi preferisce alzare le mani e scegliere la via dello status quo, assicurando che l’impegno del Comune è stato teso a ottenere il massimo degli strumenti per verificare l’operato dell’azienda».

«Il tutto, a poche settimane da nuovi sforamenti, che lasciano poco tranquilli gli abitanti e chi con la ferriera ha a che fare quotidianamente. Sono stati fatti rilievi e misurazioni che hanno dimostrato l’origine siderurgica delle polveri di ricaduta, ma i timidi provvedimenti delle istituzioni non hanno minimamente risolto il problema. E così con i rumori, segnalati oltre la tollerabilità, con i vigili impossibilitati a intervenire perché l’Aia c’era, come segnalato correttamente anche dal comitato No Smog, L’unica soluzione praticabile - conclude Zullo - è la delocalizzazione dell’impianto».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

"Brodo brustolà", antica ricetta della tradizione contadina triestina

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Report Iss, Riccardi: "In Fvg dati da zona gialla"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento