Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca

Ferriera, Serrachiani: «l'Accordo di Programma Tutela lavoro, Ambiente e Salute»

L'Accordo coinvolgerà diversi ministeri, la Regione, gli enti territoriali, imprenditori e sindacati «Oggi abbiamo compiuto il primo passo per arrivare all'Accordo di programma sul futuro della Ferriera. Ci aspetta un percorso complesso, che...

L'Accordo coinvolgerà diversi ministeri, la Regione, gli enti territoriali, imprenditori e sindacati

«Oggi abbiamo compiuto il primo passo per arrivare all'Accordo di programma sul futuro della Ferriera. Ci aspetta un percorso complesso, che richiede il massimo impegno, la collaborazione e la coesione da parte di tutti». Lo ha detto la presidente della Regione Debora Serracchiani, che oggi a Trieste ha convocato il tavolo sulla Ferriera di Servola al quale erano presenti tutti i rappresentanti degli Enti territoriali e delle parti sociali.

L'Accordo di programma, rispetto alle ipotesi formulate all'inizio di quest'anno, dovrà essere completamente rivisto alla luce delle due novità nel frattempo emerse: l'interesse manifestato dall'imprenditore Giovanni Arvedi e la dichiarazione di "crisi industriale complessa". Gli uffici regionali, in stretto contatto con i ministeri interessati, stanno lavorando per preparare un nuovo "schema di lavoro", che sarà approfondito in una prossima riunione del tavolo in programma indicativamente nella seconda metà di settembre.

«Abbiamo in mano una carta importante», ha detto la presidente Serracchiani, che era affiancata oggi dall'assessore all'Ambiente Sara Vito. «Sull'Accordo di programma - ha aggiunto la presidente - ci giochiamo il futuro, le prospettive strategiche della città e della regione. Ci proponiamo di raggiungere un duplice obiettivo: tutelare il lavoro e nello stesso tempo l'ambiente, la salute dei cittadini».

L'Accordo è particolarmente complesso, perché coinvolge numerosi attori: diversi ministeri, la Regione e gli enti territoriali, l'imprenditore, i sindacati. Nel documento dovranno essere indicati gli interventi da realizzare, le risorse, "chi fa che cosa" nei tempi stabiliti. Sono tre gli aspetti che andranno in particolare definiti nell'Accordo: la continuazione dell'attività produttiva e quindi dell'occupazione; lo sviluppo della logistica e della portualità; la messa in sicurezza del sito dal punto di vista ambientale.

Il sindaco di Trieste Roberto Cosolini e la presidente della Provincia, Maria Teresa Bassa Poropat, hanno sottolineato nei loro interventi l'importanza della riunione di oggi, con la quale viene avviata la procedura per arrivare all'Accordo di programma, confermando la condivisione degli obiettivi e l'impegno delle istituzioni locali.

La massima disponibilità è stata garantita anche dalla presidente dell'Autorità portuale, Marina Monassi, che ha osservato come «la presenza della presidente Serracchiani ci garantisce sullo sviluppo della portualità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ferriera, Serrachiani: «l'Accordo di Programma Tutela lavoro, Ambiente e Salute»

TriestePrima è in caricamento