Festival show alza bandiera bianca: salta l'evento musicale dell'estate del Nordest

Il concerto estivo a tappe organizzato da Radio Birikina e Radio Bella & Monella punta all'edizione 2021

Padova, Caorle, Jesolo, Bibione, Lignano Sabbiadoro, Mestre e Trieste. Sono le città in cui erano previste le tappe di Festival Show 2020. Ma l'applaudito evento di Radio Birikina e Radio Bella & Monella si arrende e non essendoci le condizioni necessarie per garantire i sette grandi appuntamenti, da Prato della Valle a Piazza Unità d'Italia, punta direttamente al 2021. La comunicazione ufficiale è uscita il 27 aprile, forse si è tentato fino all'ultimo. Lo chiediamo a Paolo Baruzzo, da sempre coordinatore di questa manifestazione. "Vengono a mancare le tempistiche e i presupposti per garantire l'organizzazione e la pianificazione della nostra grande festa della musica che attira regolarmente nelle piazze decine di migliaia di persone". La kermesse era in programma dal debutto del 28 giugno a Padova fino alla finale il 5 settembre a Trieste. "Ringraziamo le Amministrazioni comunali che avevano messo in calendario l'appuntamento, gli sponsor che avevano aderito al progetto, dando il necessario supporto, e tutti gli artisti che attendevamo di ospitare sul palcoscenico. Siamo convinti che con rinnovato entusiasmo ci si ritroverà fra qualche tempo, con la speranza che l'emergenza sia passata, per programmare il 2021" è l'auspicio dell'organizzazione. Del resto la preparazione di una manifestazione complessa come questa richiede mesi di tempo: dal progetto tecnico al cast artistico, la presentatrice, la promozione, gli sponsor, il coordinamento di tutto il team di lavoro.

"Non ci sono condizioni normative ed emotive per mettere in piedi l'evento come lo conosciamo, con il successo consolidato di questi anni. E' più che evidente l'impossibilità oggi di garantire il tour, considerato il contesto difficile in cui tutti ci troviamo", conferma Baruzzo. Quindi la grande carovana di Radio Birikina e Radio Bella & Monella per la prossima estate non accenderà i potenti riflettori che da vent'anni illuminano i grandi big della musica, la presentatrice (l'anno scorso è stata la splendida Anna Safroncik) e tutto questo spettacolo fatto di tanti ingredienti. La formula artistica ideata da Roberto Zanella, a capo del network radiofonico di Castelfranco Veneto, infatti sa miscelare sapientemente giovani emergenti, balletti, miss, solidarietà e i grandi big della musica italiana. Molti i nomi protagonisti in questi anni, da Gigi D'Alessio ai The Kolors, da Francesca Michielin ad Alex Britti, Roberto Vecchioni, Fabio Rovazzi, Malika Ayane, Stadio, Giusy Ferreri, Raf, Francesco Renga, Luca Carboni, Noemi, Nek, Umberto Tozzi e tanti altri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mancherà alle città e al pubblico. Mancherà anche alla Città della Speranza, sapendo che in questi anni sono stati raccolti nelle piazze oltre 600.000 euro destinati alla Fondazione per cura e ricerca delle malattie infantili. L'evento che nelle varie edizioni ha saputo resistere anche ai più turbolenti agenti atmosferici (memorabile lo show garantito a Jesolo dopo la tromba d'aria e la finale sotto il diluvio a Trieste con Il Volo), viene spazzato via da un nemico invisibile. In vent'anni di storia e successi Festival Show è stato immune a tanti "virus" di complicazioni e problemi. Contro la pandemia c'è solo la resa. E' la prima volta di stop di questo spettacolo. Salta ovviamente anche il preludio di Festival Show dedicato alle finali di selezione dei cantanti emergenti, quest'anno in programma a Caorle (Venezia) dall' 8 al 10 maggio. sarebbero arrivati centinaia di cantanti e band da tutta Italia con la voglia di realizzare il sogno di conquistare quel palcoscenico. Niente Festival Show, niente piazze affollate, niente ospiti gratis per tutti. Il danno più che economico è emotivo. I Tir del grande palcoscenico resteranno nei capannoni. La carovana che sa aggregare più generazioni resterà parcheggiata. Tutti gli effetti spettacolari di quel palcoscenico non ravviveranno l'estate. la musica non si ferma: Radio Birikina e Radio Bella & Monella si ascolteranno sempre, anche se non incontreranno con la maestosità di Festival Show il loro pubblico nelle grandi piazze regalando notti piene di stelle.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto in Costiera, addio al presidente del gattile di Trieste Giorgio Cociani

  • Primo caso a scuola a Trieste, tre docenti e 21 alunni della Gaspardis in quarantena

  • Malore in acqua al Pedocin, morto bagnante di 56 anni

  • Malore in acqua, il giovane alpinista Gianni Cergol non ce l'ha fatta

  • Ubriaco spacca una bottiglia sul bancone del bar e aggredisce i colleghi: tassista triestino denunciato

  • Sfonda la porta di casa del cugino ai domiciliari e l'accoltella: arrestato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento