Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

Fials: "Più incentivi e indennità per il personale sanitario"

Il sindacato chiede alla regione maggiori risorse da destinare alle incentivazioni del personale impegnato nel fronteggiare il Covid-19, estendere l'indennità di malattie infettive o di terapia intensiva e ipotizzare un indennizzo al personale che è risultato positivo al contagio

Foto: Aiello

Riceviamo e pubblichiamo integralmente la nota di Fabio Potoschnig della Fials Trieste Gorizia e Monfalcone

"Questa settimana si è tenuto l'incontro sindacale in video conferenza che più volte avevamo chiesto, con l'Assessore Riccardi e le dottoresse Zamaro e Landi della direzione centrale della salute. Sostanzialmente la discussione si è concentrata sulle RAR 2020 poco più di 16 milioni, in pratica lo stesso importo messo a disposizione dalla Regione nel 2019. Su questo aspetto abbiamo chiesto di implementare le risorse economiche tenendo conto quanto prevede il Decreto-Legge 17 marzo 2020, N. 18 e il cosiddetto "Mille Proroghe".

La Regione si è riservata di approfondire la fattibilità delle nostre richieste. Quindi la discussione si è soffermata solo sui 16 milioni di RAR 2020 che la Regione conferma. E' noto che parte di queste, circa 8.700.000€, sono già impegnate per il finanziamento dei due progetti realizzati per continuare a garantire le cosiddette "maggiorazioni dei turni", quindi per incentivare il personale del SSR del FVG per l'emergenza Coronavirus rimangono 7.300 mila euro, ma di queste 800.000 sono state inizialmente destinate alla riorganizzazione delle aziende a seguito della riforma del SSR, quindi al momento possiamo tener conto di 6.500.000 euro.

L'ipotesi espressa dalla regione è quella di riconoscere un importo incentivante procapite per chi opera nelle realtà/strutture/servizi Covid-19 a rischio elevato e un importo incentivante inferiore a quelle realtà/strutture/servizi Covid-19 a rischio medio e infine si ipotizza un importo anche per il personale operante in quelle realtà/strutture/servizi non coinvolte direttamente nel Covid-19, ma che hanno comunque contribuito ad affrontare l'emergenza sanitaria. I dati sul personale coinvolto in una o nell'altra fattispecie verranno forniti dalle aziende alla Regione che in base al fabbisogno dichiarato destinerà le risorse messe a disposizione.

Noi come sopra descritto abbiamo chiesto:
1) maggiori risorse da destinare alle incentivazioni del personale impegnato nel fronteggiare il Covid-19
2) di estendere l'indennità di malattie infettive o di terapia intensiva, in alternativa riconoscere l'incentivazione su base oraria, cioè aumentando l'importo del valore economico orario tenuto conto del profilo di appartenenza e della tipologia dell'area Covid-19, rischio elevato, rischio medio e rischio basso.
3) di ipotizzare un indennizzo al personale che è risultato positivo al contagio.

L'Assessore si è riservato di prendere in esame le richieste delle organizzazioni sindacali ed entro la prossima settimana ci farà pervenire una bozza del testo che sarà oggetto di un successivo confronto."

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fials: "Più incentivi e indennità per il personale sanitario"

TriestePrima è in caricamento