Operaio deceduto, FILLEA CGIL: "Evento tragico, si chiariscano le cause"

"Partecipiamo con dolore al decesso dell’ operaio nel cantiere di via S.Michele". Come confermato da più fonti l'uomo aveva iniziato a lavorare de circa mezzora, veniva da un giorno di riposo e aveva i certificati medici necessari per esercitare la professione

La FILLEA – CGIL manda una nota di vicinanza e cordoglio per il lavoratore tragicamente scomparso questa mattina alle 8 in seguito a un arresto cardiaco nel cantiere di via San Michele. Come confermato da più fonti l'uomo aveva iniziato a lavorare da circa mezzora, veniva da un giorno di riposo e aveva i certificati medici necessari per esercitare la professione. La categoria della Cgil dei lavoratori dell'edilizia, del legno - arredo, lapidei, cemento, manufatti, restauro, congiuntamente alla Camera del Lavoro della CGIL di Trieste "partecipano con dolore al decesso dell’ operaio morto in giornata odierna nel cantiere di via S.Michele . Ai familiari e parenti del lavoratore vanno le nostre più sentite condoglianze. Rimaniamo in attesa che gli organismi competenti chiariscano in merito alle cause del decesso, spiace ancora una volta prender atto di un’ annuncio tragico come quello odierno".

Potrebbe interessarti

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Come lavare i cuscini in modo corretto, consigli utili

  • Pomodori secchi, proprietà benefiche e preparazione in casa

  • Usi e benefici della lavanda, come coltivare la pianta dal profumo incantevole

I più letti della settimana

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Schianto mortale a Sant'Andrea: 54enne perde la vita

  • Ristoranti di pesce nel mirino, 55 mila euro di multe, nove denunce e cinque chiusure

  • Quattrocento posti per diventare operatore socio sanitario, al via i corsi gratuiti

  • Polli: "Non fuggono dalla guerra, sono palestrati", ma è una foto del cantante Tequila Taze

  • Come lavare i cuscini in modo corretto, consigli utili

Torna su
TriestePrima è in caricamento