Sequestro olio extravergine: Gdf dona alla Caritas 2000 litri

Il prodotto che sul mercato alimentare si attesta su un valore pari ad oltre 35mila euro sarebbe altrimenti andato distrutto

La Tenenza della Guardia di Finanza di Muggia ha donato un ingente quantitativo di olio extravergine d’oliva alla Caritas Diocesana di Trieste confermando, ancora una volta, l’attenzione del Corpo a favore delle classi sociali più disagiate.

Sequestro e donazione

Il prodotto alimentare era stata sottoposto a sequestro amministrativo da parte dei finanzieri muggesani nei confronti di un produttore locale e le stesse Fiamme Gialle si sono attivate per ottenere dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali l'autorizzazione a donare circa 2.000 litri di olio extravergine d’oliva che, altrimenti, sarebbe andato distrutto. Il prodotto, di eccellente qualità, sul mercato alimentare si attesta su un valore pari ad oltre 35mila euro.

Il sequestro fu eseguito in quanto erano state commesse molteplici violazioni inerenti gli obblighi di indicazione di origine, classificazione, etichettatura, tracciabilità, stoccaggio e registrazione sul “Sistema Informatico Agricolo Nazionale (S.I.A.N.) - portale olio di oliva”, ove devono essere registrate tutte le movimentazioni di olive e olio, compresi i carichi di magazzino di prodotto proprio, gli acquisti presso terzi e le cessioni a mezzo fattura o per corrispettivo. Nel settore olivicolo tali condotte irregolari inibiscono la commercializzazione del prodotto in quanto la filiera di produzione deve essere totalmente tracciabile.

Test e nulla osta

Grazie alla sensibilità delle Fiamme Gialle ed alla particolare disponibilità del Dicastero romano, il prodotto, dopo aver superato i previsti test di idoneità all’uso alimentare umano, è stato destinato a soddisfare le necessità di tante persone che non hanno la possibilità economica di accedere alle più elementari necessità quotidiane. Infatti il Ministero ha concesso in tempi brevi il nulla osta, con l'impegno per la Onlus beneficiaria, la Fondazione Diocesana Caritas di Trieste, di provvedere all’imbottigliamento, all’etichettatura ed al ritiro dell’olio sequestrato.

Famiglie sotto la soglia di povertà

I 2.000 litri di olio, opportunamente regolarizzato, hanno già trovato immediata assegnazione all’Ente benefico a conforto di coloro che, sempre più numerosi, versano in una grave situazione di disagio economico e sociale. Un disagio che la Caritas registra quotidianamente nei vari Centri di accoglienza e di assistenza collocati sul territorio: soltanto presso il refettorio di via dell'Istria vengono distribuiti quotidianamente oltre 180 pasti caldi.
Nell’attuale contesto socio-economico, che registra un quotidiano aumento di famiglie collocate al di sotto della soglia di povertà, l'iniziativa assume un particolare significato. I responsabili della Caritas hanno espresso il proprio sentito ringraziamento, evidenziando come i rapporti con le Forze dell’Ordine e nello specifico con la Guardia di Finanza siano sempre più stretti nel segno della concreta solidarietà a favore delle classi sociali più bisognose.

gdf olio 2-2-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Coronavirus, altra impennata in Fvg: 147 positivi e sei morti, i contagiati sono oltre 1100

  • I contagiati salgono a 874, decessi a quota 47: il bollettino di oggi in Fvg

  • Coronavirus, il Friuli Venezia Giulia la regione che resta di più a casa

  • Coronavirus, altro balzo in avanti: in Fvg i contagiati ora sono 1223, 13 guariti in più

  • I contagiati salgono a 930, 54 decessi: il bollettino del FVG

Torna su
TriestePrima è in caricamento