rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Cronaca

Fincantieri, Bindi: «Rischio infiltrazioni mafiose»

Lente di ingrandimento su Fincantieri da parte della Commissione parlamentare antimafia. A renderlo noto Rosy Bindi, presidente della Commissione, che ha richiesto la firma un protocollo riguardante la legalità con Prefettura e parti sociali, ricevendo il rifiuto della società cantierina

Lente di ingrandimento su Fincantieri da parte della Commissione parlamentare antimafia. A renderlo noto Rosy Bindi, presidente della Commissione, che ha richiesto la firma un protocollo riguardante la legalità con Prefettura e parti sociali, ricevendo il rifiuto della società cantierina.

La Commissioni era a Trieste ieri nell’ambito del giro organizzato nelle diverse città italiane, dove ha incontrato i capi delle Forze dell’Ordine, porto, magistratura e sindacati.

La regione dunque a rischio infiltrazioni mafiose negli ambiti della droga e degli immigrati. La Bindi ha sottolineato come non sia ancora presente l’infiltrazione di forze mafiose in regione, ma tuttavia non sono da sottovalutare campanelli d’allarme e segnali che potrebbero far pensare il contrario.

Per quanto concerne Fincantieri Bindi ha voluto sottolineare come oltre metà dei dipendenti non siano direttamente assunti dalla società madre, ma dipendenti di ditte esterne che talvolta possono sfuggire alla completa tracciabilità, sottopagando ad esempio i lavoratori. La Commissione ha richiesto maggior controlli e maggior senso di responsabilità affinché nulla sfugga alla regolarità e alla legalità di tutte le operazioni.

Non si è fatta attendere la risposta dell’amministratore delegato di Fincantieri Giuseppe Bono che ha proposto la firma di un protocollo di legalità per tutti cantieri in Italia facenti riferimento a Fincantieri. Ha inoltre confermato la completa regolarità delle procedure d’appalto con tutti i controlli del caso fatte sulle ditta affidatarie e che questi verranno potenziate anche in futuro

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fincantieri, Bindi: «Rischio infiltrazioni mafiose»

TriestePrima è in caricamento