menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Centomila euro di rifiuti non autorizzati dentro Fincantieri, 3 persone nei guai a Monfalcone

Lo rileva il Noe di Udine che circa 10 giorni fa ha effettuato un'ispezione all'interno dello stabilimento dove ha accertato lo stoccaggio non autorizzato di circa 2500 metri cubi di rifiuti, per un valore di 100 mila euro

Circa 10 giorni fa i Carabinieri del NOE di Udine hanno condotto un controllo d’iniziativa all’interno dello stabilimento della società Fincantieri di Monfalcone teso ad accertare la corretta gestione dei rifiuti prodotti dall’azienda. Nel corso dell’ispezione, all’interno di un cantiere denominato “area 304” sito presso lo stabilimento, i Carabinieri – coordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Gorizia – hanno accertato violazioni di natura penale connesse alle modalità e tempistiche di stoccaggio dei rifiuti da demolizione derivanti dai lavori effettuati in loco che hanno così portato alla denuncia in stato di libertà di tre persone per “stoccaggio di rifiuti non autorizzato” in concorso.   

Da prime indiscrezioni non sembrerebbero essere dipendenti Fincantieri, bensì di alcune ditte in appalto. A seguito delle risultanze investigative emerse, i militari hanno, altresì, sottoposto a sequestro probatorio l’area ed i rifiuti da demolizione depositati all’interno dello stabilimento, poiché erano stati superati i limiti temporali previsti dalla normativa di settore per il deposito temporaneo. Il provvedimento ha interessato un’area complessiva di circa 500 metri quadrati all’interno dello stabilimento con ivi depositati rifiuti da demolizione per complessivi 2.500 metri cubi per un valore complessivo di circa 100.000 Euro.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Fondo Ambiente Italiano: eletto il luogo più bello d'Italia

social

Torta morbida cioccolato e cannella: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento