Monfalcone, positivo operaio di una ditta che lavora per Fincantieri

L'uomo è un cittadino di origine rumena che abita con altri tre connazionali. Isolato e messo in quarantena. I primi due tamponi ai coinquilini sono negativi

Un dipendente di un'azienda che lavora in appalto dentro Fincantieri è risultato positivo al CoViD-19. L'uomo è cittadino rumeno e non sarebbe mai rientrato in Romania dall'inizio del lockdown. Manca dal posto di lavoro da sabato e, secondo le informazioni in possesso e diffuse dall'amministrazione comunale di Monfalcone, abiterebbe assieme ad altre tre connazionali. 

Per "isolare" il caso si è provveduto a metterlo in quarantena, come pure i suoi coinquilini che sono stati sistemati in un'altra abitazione e sottoposti ai primi due tamponi. Per la prima cittadina della città dei cantieri, Anna Cisint, il tampone ai connazionali verrà rifatto il tredicesimo giorno. "È stata fatta la verifica dei contatti e poste già in quarantena (con tampone effettuato) le quattro persone che avevano avuto vicinanza lavorativa. È in corso la sanificazione di tutti gli ambienti lavorativi utilizzati". 

La persona risultata positiva non utilizzerebbe la mensa in virtù del turno unico in cui è impegnata l'azienda per la quale lavora e andrebbe a lavorare in bicicletta. Inoltre, sempre secondo le informazioni ottenute dalla Cisint da parte dell'Azienda Sanitaria e del direttore Olivari, il lavoratore rumeno non usufruirebbe degli spogliatoi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Fedriga: “Il Fvg non andrà in zona rossa”

  • Dinner cancelling: come funziona la dieta seguita da Fiorello per dimagrire

  • Trovata morta in mare a Grignano: aveva 62 anni

  • Caffè, asporto e consumo su suolo pubblico: i chiarimenti sull'ordinanza

  • Il Wi-Fi in casa è pericoloso per la salute: l'Iss fa chiarezza

  • Indietro fino ad inizio ottobre, nei 1432 positivi di oggi "pesano" i dati di Insiel

Torna su
TriestePrima è in caricamento