Cronaca

Flag-Gac a Grado: una giornata all'insegna della pesca, acquacoltura e buone norme in laguna

Il Gruppo di azione costiera del Friuli Venezia Giulia ha organizzato un incontro sul territorio, nell’aula del consiglio comunale gradese, per discutere di leggi regionali, bandi ed eventi dedicati alla pesca e all'acquacoltura

Il comitato di gestione del Flag – Gac Fvg a Grado: si è trattato di un incontro sul territorio, nell’aula del consiglio comunale gradese, per il Gruppo di azione costiera del Friuli Venezia Giulia istituito nel 2012 ed ora attivo attraverso le azioni finanziate dal Programma operativo della Regione Friuli Venezia Giulia del Fondo Europeo Affari Marittimi (Feamp) e Pesca 2014-2020.

I temi

"Vari i temi affrontati volutamente sul territorio – spiega il presidente del Gacv Fvg, Antonio Paoletti - dalla verifica della proposta di legge regionale dedicata alle attività di pescaturismo e ittiturismo con la richiesta di un approfondimento e un confronto per capirne meglio i contenuti, all’approvazione dei testi di due bandi per le imprese della pesca e dell’acquacoltura che verranno pubblicati dalla Regione Fvg, alla definizione di una prima proposta di eventi nel quadro del progetto Fish Very Good sul territorio regionale tra luglio e novembre 2021".

Il comitato ha inoltre garantito il sostegno e il coinvolgimento allo sviluppo di due strategie che "toccano" le aree di pesca del nostro territorio e che si stanno sviluppando in questi mesi. "La prima – spiega Paoletti - si esprime nel contratto di sviluppo per la Laguna di Marano, capace di delineare interventi di tipo infrastrutturale ambientale e socioeconomico, che insistono nell'area lagunare; la seconda nella manifestazione di interesse per la definizione dell'area Man and the biosphere (Mab) Unesco del corso del Tagliamento, coordinato dall'assessorato all'Ambiente della Regione Fvg".

Il lavoro svolto ed i primi risultati

Da parte sua l’assessore regionale alle Risorse agroalimentari, forestali e ittiche, Stefano Zannier, evidenzia come "l'attività dei Flag costituisce un importante elemento sul territorio a favore dello sviluppo del comparto della pesca e dell’acquacoltura. La giornata gradese ha permesso di prendere contezza del lavoro svolto e dei primi risultati attuati con i diversi strumenti messi a disposizione dal Programma operativo Feamp a valere sulla Misura 4, nonchè vedere concretamente nelle singole marinerie regionali come una strategia si articola e si interseca toccando diversi tematiche quali l’ educazione e l’attenzione delle nuove generazioni ai nostri ambienti marini e lagunari, la valorizzazione delle tradizioni e del patrimonio culturale della pesca, la diversificazione turistica attuata dagli operatori, la valorizzazione del prodotto ittico locale. Come amministrazione siamo particolarmente attenti a queste tematiche e per tale ragione abbiamo recentemente approvato il finanziamento a favore del Gac Fvg per una promozione del territorio costiero, delle sue peculiarità e del contributo accademico e della ricerca regionale, per una maggiore diffusione delle conoscenze dell'ecosistema in cui viviamo".

Il sopralluogo al cantiere del Piccolo Museo della pesca

Dopo l’incontro il comitato del Gac Fvg ha effettuato assieme al vicesindaco e assessore al Turismo del Comune di Grado, Matteo Polo, un sopralluogo al cantiere del Piccolo Museo della pesca, co-finanziato nell'ambito del piano d'azione del Gac Fvg, dalla Regione Fvg e dal Comune stesso. "Contiamo – ha detto il vicesindaco Polo - di inaugurarlo a fine ottobre in occasione della manifestazione Mare Nostrum. L’esposizione conserverà una storia molto preziosa del nostro territorio, che verrà fatta conoscere alla nostra comunità ma anche ai turisti che giungono a Grado". A seguire il saluto al rientro dell’uscita in barca di una trentina di studenti dell'Istituto Comprensivo “Marco Polo” di Grado, che al termine di una gita istruttiva in laguna con la motonave “Nuova Cristina”, nell'ambito del progetto “Buone norme in laguna” finanziato dal Piano d'azione del Flag-Gac Fvg, dal Comune di Grado e attuato da Shoreline. "Abbiamo aderito a questa iniziativa – ha evidenziato il professor Gianpaolo Moratti - per far capire ai ragazzi l’importanza del conoscere il loro territorio e rispettarlo. I ragazzi sono stati coinvolti con una uscita in laguna che ha consentito loro di capire quali sono le regole che loro, ma anche i turisti che vengono a visitare questa favolosa isola, devono seguire".

Allo sbarco gli studenti hanno potuto apprezzare i prodotti ittici locali e della laguna, quale anteprima del ricco programma di appuntamenti dedicati al mondo delle scuole e alla sensibilizzazione verso il prodotto ittico locale stagionale e sostenibile che caratterizzerà un'azione importante dell'intervento Fish Very Good previsto nel prossimo triennio. In conclusione il comitato del Gac Fvg ha partecipato al seminario finale del programma “”Buone norme in laguna” a cui il presidente Paoletti nel portare il saluto ha rimarcato "che si tratta del primo progetto concluso all’interno del Piano d'azione e che ha affrontato e sensibilizzato su un tema di estrema attualità e importanza quale quello dell'interazione sostenibile tra attività dell'uomo, e rispetto degli eco-sistemi , che caratterizzeranno le future attività legate a questo settore e a questo territorio".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Flag-Gac a Grado: una giornata all'insegna della pesca, acquacoltura e buone norme in laguna

TriestePrima è in caricamento