rotate-mobile
La scampata tragedia / Altopiano Carsico / località Opicina

Il giovane folgorato a Opicina resta grave: portato al Centro ustionati di Verona

Il ragazzo è stato trasportato nel capoluogo scaligero nel pomeriggio di oggi. La dinamica dell'episodio rimane poco chiara. Secondo le dichiarazioni degli amici che si trovavano con lui, il gruppo stava scappando da un cinghiale, forse più d'uno. Una scampata tragedia

TRIESTE - E' stato trasportato al Centro grandi ustionati di Verona l'adolescente triestino che alle tre del mattino di oggi 15 luglio è rimasto folgorato dopo essere entrato in contatto con i cavi dell'alta tensione, nei pressi della stazione ferroviaria di Opicina, in provincia di Trieste. Il giovane ha riportato ustioni di terzo grado sul 15 per cento del corpo e le sue condizioni sono gravi. Secondo una prima ricostruzione, il ragazzo nato nel 2008 sarebbe salito in cima ad un vagone cisterna, fermo lungo i binari della stazione. Lì, una volta in cima, è rimasto folgorato. La scarica elettrica l'ha fatto precipitare a terra, da un'altezza di circa quattro metri. Nella caduta ha riportato anche un brutto trauma cranico. 

L'alta tensione, la caduta e la corsa in ospedale

Sull'episodio indaga la polizia di Stato. Non è chiaro, infatti, cosa facesse il gruppo di ragazzini (tutti residenti in zona), a quell'ora lungo i binari della struttura ferroviaria. Anche in questo caso, una prima ricostruzione - basata anche e soprattutto sulle dichiarazioni degli amici - dice che stessero scappando da un cinghiale, forse più d'uno. A quel punto il gruppetto si sarebbe diviso. Il giovane sarebbe quindi scappato in direzione del vagone cisterna e, attraverso una scaletta, sarebbe arrivato in cima. Poi l'entrata in contatto con l'alta tensione, la scarica e la caduta. Sul posto sono giunti immediatamente i sanitari del 118, con automedica e ambulanza. 

Intubato e stabilizzato, il ragazzino è stato quindi trasportato al pronto soccorso di Cattinara (nonostante la minore età), in quanto politraumatizzato. Sulla scena, oltre a personale ferroviario, anche i vigili del fuoco che hanno provveduto a mettere in sicurezza l'area. Nel primo pomeriggio poi il trasporto, avvenuto a bordo di una ambulanza, al Centro grandi ustionati di Verona. Una scampata tragedia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il giovane folgorato a Opicina resta grave: portato al Centro ustionati di Verona

TriestePrima è in caricamento