Cronaca Piazza della Borsa

La Fontana del Nettuno s'illumina di verde: il Comune aderisce alla campagna di sensibilizzazione sulle malattie mitocondriali

L'iniziativa è promossa dall'associazione International Mito-Patients in concomitanza con il 55° anniversario della scoperta delle malattie mitocondriali

Domani sera, in concomitanza con l'accensione dell'illuminazione pubblica, la Fontana del Nettuno di piazza della Borsa sarà illuminata di verde, in segno di adesione simbolica del Comune di Trieste alla campagna informativa e di sensibilizzazione a livello mondiale sulle malattie mitocondriali.
L'iniziativa è promossa dall'associazione International Mito-Patients, la Federazione che riunisce a livello mondiale tutte le associazioni che si occupano di queste patologie, cha lanciato nel 2017 la campagna “Light Up For Mito” per coinvolgere l'opinione pubblica su questo tema, in concomitanza con il 55° anniversario della scoperta delle malattie mitocondriali.

Nell'ambito delle varie iniziative in programma, gli organizzatori hanno proposto alle amministrazioni pubbliche in tutto il mondo di illuminare di verde un monumento cittadino all’inizio della Settimana Mondiale di Sensibilizzazione sulle Malattie Mitocondriali, ovvero la sera del 16 settembre 2017, a titolo di adesione simbolica alla campagna e di condivisione di un messaggio di speranza per tutti coloro che si confrontano quotidianamente con queste patologie, per le quali ad oggi non esiste una cura.
Una sollecitazione in tal senso è stata avanzata anche da Mitocon - Insieme per lo studio e la cura delle malattie mitocondriali Onlus, con sede a Roma, l'associazione che da anni costituisce un punto di riferimento, aggregazione e sostegno per i malati e le loro famiglie e per l’intera comunità scientifica che si occupa di malattie mitocondriali in Italia. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Fontana del Nettuno s'illumina di verde: il Comune aderisce alla campagna di sensibilizzazione sulle malattie mitocondriali

TriestePrima è in caricamento