Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Rioni, segnalazioni e banchetti: Russo scalda i motori, al via la campagna di ascolto

Il possibile candidato del centrosinistra alle prossime amministrative annuncia la partenza della "più grande operazione di ascolto mai realizzata su questo territorio"

La riserva ufficiale dovrebbe scioglierla tra qualche giorno ma nel frattempo Francesco Russo lancia la parte operativa di "Punto Franco". La campagna di ascolto - così è stata definita dal possibile candidato del centrosinistra alle prossime amministrative - è partita oggi 15 febbraio con l'obiettivo di "dare voce e parola ai cittadini" di Trieste. “Il dibattito pubblico sul futuro della città è spesso incentrato su grandi opere che riguardano solo la parte centrale della città o alcune sue aree - ha spiegato il dem - ma Trieste è molto più di questo".

La campagna di ascolto

"Il mio punto su Trieste" (questo il titolo della campagna di ascolto ndr) intende analizzare "le bellezze ma anche le difficoltà" dei rioni cittadini. "Marciapiedi in stato di degrado (o comunque non a misura di bambino o disabile), buchi nelle strade, muri pericolanti, parchi non curati ed edifici abbandonati o in stato di degrado" questa la lista dei "buchi neri" che rappresentano "problemi concreti e quotidiani di cui non parla quasi nessuno". Non è un segreto il fatto che la creatura di Francesco Russo rappresenti lo strumento volto a raccogliere consensi in vista delle elezioni e la conferma, oltre che dalle indiscrezioni degli addetti ai lavori, proviene dalla sottolineatura del movimento relativa al necessario cambio di strategia politica. “Abbiamo l’ambizione di promuovere una cosa un po’ diversa da quella che solitamente fa la politica" fa sapere il dem che lancia la sfida alla "più grande operazione di ascolto mai realizzata su questo territorio". 

Proposte e segnalazioni: l'operazione

Secondo Russo, le proposte geolocalizzate per ogni singolo rione sono state avanzate, sul sito di riferimento, da oltre 100 cittadini che hanno inviato le loro segnalazioni. Un'operazione che vuole coinvolgere anche a chi non possiede strumenti digitali, vale a dire le persone che respirano le scelte e le proposte della comunità politica ancora attraverso una partecipazione cosiddetta tradizionale. Per questo motivo, così Russo, "nelle prossime settimane invieremo oltre 100.000 cartoline a tutti i cittadini triestini chiedendo di indicare cosa vorrebbero vedere realizzato nel loro quartiere e quali sono le cose che non vanno bene". Una decisione che va di pari passo con la presenza di Punto Franco, dal 20 febbraio alla fine di marzo, "nelle vie e nelle piazze di ogni rione, partendo innanzitutto dalle aree periferiche". L'obiettivo è ottenere una "mappatura completa di tutte le proposte" che dovrebbero aiutare il movimento a "tenere traccia e segnalare le cose che stanno a cuore ai cittadini". L'inizio della campagna elettorale di Francesco Russo è vicino. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rioni, segnalazioni e banchetti: Russo scalda i motori, al via la campagna di ascolto

TriestePrima è in caricamento