Cronaca

Protesta degli studenti contro gli incendi in Amazzonia

Il presidio di Friday For Future “No es fuego: es capitalismo - #sosamazonia” si terrà il 30 agosto sotto il Consolato onorario del Brasile di Trieste

Il giorno venerdì 30 agosto 2019 il movimento Fridays for future ha organizzato il presidio “No es fuego: es capitalismo - #sosamazonia” alle ore 17:00 sotto il Consolato onorario del Brasile di Trieste sito in via San Francesco 4/1 per protestare contro gli incendi che stanno devastando la foresta amazzonica.

Fridays For Future, insieme all’opinione pubblica internazionale, non crede che tali incendi siano dovuti al caso, visto che il loro incremento al 145% nell’ultimo anno - secondo Greenpeace Brasile - è avvenuto in concomitanza con l’ascesa al potere del presidente Bolsonaro e le sue politiche volte ad un maggiore sfruttamento della foresta amazzonica. FFF vuole così dare l’allarme ai cittadini che “La casa brucia” e puntare il dito contro gli incendiari. Dopo l’allarme Siberia, ora stanno bruciando da ormai tre settimane l’Amazzonia e negli ultimi giorni anche la Foresta pluviale del Bacino del Congo.

In seguito al presidio, a cui parteciperanno anche gli attivisti di Udine e Pordenone, la presenza di FFF in piazza continuerà dalle 18.30 in poi in piazza Unità sotto al Municipio. Lo scopo di tali presidi, che si continueranno a ripetere ogni venerdì nella nostra città come in tutte le altre italiane, europee e mondiali dove il movimento è attivo, ogni volta dedicati ad una tematica differente, è quello di mantenere viva l’attenzione di tutti i cittadini e della classe politica sul pericolo del riscaldamento globale del Pianeta e sui rischi di catastrofe ambientale ad esso connessi.

Restiamo a disposizione per ogni eventuale chiarimento e auspichiamo un’efficace divulgazione della notizia che tenga in considerazione lo stato di Emergenza climatica in cui versa l’intera umanità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Protesta degli studenti contro gli incendi in Amazzonia

TriestePrima è in caricamento