Ruba in una casa a Barcola, poi butta a mare i vestiti e urla contro la Polizia

Una volta identificato in viale Miramare, l'uomo si è rifugiato su una barca e ha opposto resistenza. Trovati nei suoi pantaloni due gemelli in oro e dei contanti. Diversi i casi di furto nell'ultima settimana a Trieste

Foto di repertorio: Aiello

Dopo i furti in casa sul Carso nel corso dell'ultima settimana (un caso a Opicina e uno a Basovizza), e dopo il fermo di tre "truffatori seriali" di anziani, ieri pomeriggio a Barcola la Polizia di Stato ha denunciato per furto, danneggiamento, oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale il cittadino rumeno M.N.M., nato nel 1991. Già noto alle forze dell’ordine, l’uomo ha rubato un cellulare, due gemelli in oro e altri preziosi dall’interno di una casa composta da tre appartamenti a Barcola.

Il furto

Rientrati, i proprietari hanno notato i vetri infranti della cucina al primo piano e la porta d’ingresso forzata. Una volta all’interno hanno notato uno zaino e poco dopo un uomo scappare. Prontamente è stata informata la sala operativa della Questura tramite il 112. Sul posto si sono recato gli equipaggi della Squadra Volante e sono iniziate le ricerche in zona del ladro. In viale Miramare gli operatori hanno notato un uomo che assomigliava alla descrizione fornita e lo hanno fermato.

L'intervento della Polizia

Nervoso e insofferente, si è rifiutato di fornire un documento o di declinare le proprie generalità e ha iniziato a inveire nei confronti degli agenti. Quindi si è allontanato verso la pineta di Barcola e si è dato alla fuga. Gli operatori l’hanno rincorso e, mentre stava per essere raggiunto, si è lanciato su una barca ormeggiata danneggiando un telo che rivestiva il tettuccio. A questo punto li ha offesi e minacciati, si è tolto la canottiera e i pantaloni e ha gettato in mare un cellulare. Un poliziotto libero dal servizio ha raggiunto l’uomo sulla barca facendolo desistere dalla sua condotta e lo ha riportato sul porticciolo. È stato recuperato il cellulare, rubato nell’abitazione, e l’uomo ha ripreso a inveire e ad opporre resistenza nei confronti degli operatori, oltre a dare calci contro l’autovettura di servizio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La refurtiva

Accompagnato in Questura, gli agenti hanno trovato nella tasca dei pantaloni due gemelli in oro rubati in precedenza e anche una banconota da 10 euro, una da 5 e alcune monete. Da tenere presente che una banconota da 20 euro è stata sottratta da un portafoglio presente in un’altra abitazione della zona, come da segnalazione del proprietario dell’ammanco. Dopo le formalità di rito, il romeno è stato denunciato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto, chi paga e chi no: le informazioni sulle esenzioni

  • Il virus in Croazia preoccupa Lubiana, al vaglio l'ipotesi di toglierla dalla lista dei paesi sicuri

  • Come ottenere la carta d'identità elettronica a Trieste

  • Fvg circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Scomparsa una bambina di sei anni in Carso: ricerche in corso

  • Tutti i nuovi contagi sono fuori Trieste, nessun decesso in Fvg

Torna su
TriestePrima è in caricamento