menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La zona dove è stato commesso il furto

La zona dove è stato commesso il furto

Furto di 80 chili di "oro rosso" in via Caboto, in carcere 56enne sloveno

L'appostamento è stato effettuato dagli agenti della Polizia di Stato di Trieste dopo le numerose segnalazioni e denunce pervenute negli ultimi mesi al Commissariato di Muggia. Questa volta il "blitz" non è riuscito

Il rame si sa, fa gola a molti. Non tanto per la sua lucentezza, bensì per l'alto valore che sul mercato nero questo materiale possiede. Per questo motivo negli ultimi mesi una ditta che tratta materiali ferrosi con sede in via Caboto è stata presa di mira dai ladri che hanno messo a segno numerosi furti. La scorsa serata però, l'ennesimo blitz criminoso è stato bloccato in tempo. 

Numerose segnalazioni di furti

La Polizia di Stato di Trieste infatti ha arrestato in flagranza di reato un cittadino sloveno di 56 anni "sorpreso a rubare circa 80 chilogrammi di rame". R.N. (queste le iniziali) si è visto piombare addosso gli agenti di polizia che gli hanno messo le manette e portato in carcere al Coroneo. L'intervento arriva dopo le numerose segnalazioni e denunce pervenute al Commissariato di Muggia. 

Così sono scattate le indagini e, a seguito di mirati servizi di appostamento e osservazione, l'altra sera i poliziotti hanno notato il 56enne sloveno mentre si introduceva furtivamente nelle pertinenze del deposito. Subito dopo il ladro ha quindi lanciato all’esterno del muro di cinta dei grossi tranci di cavi elettrici, accumulando così la pregiata refurtiva. Poi lo scatto degli agenti e l'arresto. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

'Enoteche d'Italia': la guida del Gambero Rosso premia anche Trieste

social

Nasa: arriva la prima foto panoramica di Marte

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento