Furto di preziosi per 32mila euro in una gioielleria di via San Lazzaro: donna 32enne ai domiciliari

Era già stata condannata alla detenzione domiciliare a Monza, per fatti analoghi

Furto di gioielli per un valore di 32mila euro: di questo è accusata J.H., cittadina italiana di 32 anni destinata agli arresti domiciliari in misura cautelare. Dopo un'indagine diretta dalla Procura di Trieste e svolta dalla locale Squadra Mobile, la donna è stata ritenuta responsabile del furto avvenuto il 26 giugno 2017 in una gioielleria di via san Lazzaro, e l'ordinanza è stata emessa dal GIP di Trieste il 22 marzo.

La Squadra Mobile, a seguito del furto, ha immediatamente avviato gli accertamenti e visionato le immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza. Da queste è emerso che una donna ben vestita, nel giorno del furto, era entrata nella gioielleria chiedendo di vedere alcuni monili, e, approfittando della momentanea assenza della commessa, si è impossessata prima di una collana in oro nascondendola rapidamente nella borsa, poi dell’intera couvette riposta sul banco da esposizione. 

I successivi approfondimenti effettuati dalle  Forze di Polizia hanno consentito di estrapolare il profilo di una donna italiana di etnia sinti, già segnalata per reati contro il patrimonio attuati con il medesimo “modus operandi”. A conferma della sua colpevolezza, sono intervenuti gli esperti del S.A.C.V. (Sezione Analisi Crimine Violento) del Gabinetto Interregionale della Polizia Scientifica di Padova, i quali, dopo un’analisi comparativa, hanno dichiarato la “totale compatibilità” tra J.H. e la donna ripresa dalle telecamere.

Le evidenze investigative sono state quindi consegnate al P.M. titolare del fascicolo che, in data 22.03.2018, ha ottenuto dal G.I.P. presso il Tribunale di Trieste la misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti della donna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Considerato che la J.H. è attualmente sottoposta alla misura della detenzione domiciliare nella città di Monza, per fatti analoghi, la Squadra Mobile di Trieste ha trasmesso l’ordinanza applicativa degli arresti domiciliari al Commissariato, al fine di procedere all’esecuzione, avvenuta il 24 marzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto nella notte in via Giulia, morto scooterista di 50 anni

  • Covid 19: la Slovenia "declassa" l'Italia a zona arancione

  • Scomparsa nel 2019, il suo cadavere a Miramare sette mesi dopo: la vittima si chiamava Karin Furlan

  • Incidente in galleria Carso: quattro auto coinvolte e strada chiusa

  • Si accascia al suolo in via delle Torri: cinquantenne a Cattinara

  • Diciassettenne scomparsa da giorni in Carso, l'appello della polizia slovena

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento