Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca

FVG Mitteleuropa Orchestra, ventata di novità per l'orchestra sinfonica del Friuli Venezia Giulia

17.18 - Si ripresenta al pubblico con un nuovo organico, un nuovo importante direttore, nuova immagine e nuovi interessanti progetti.

È stata presentata questo pomeriggio, nel corso di una conferenza stampa presso il Palazzo della Regione, la nuova FVG Mitteleuropa Orchestra. A presentare il progetto sono intervenuti la Presidente della Regione FVG Debora Serracchiani, il coordinatore generale e direttore artistico dell’Orchestra Massimo Gabellone, il presidente dell’Associazione Progetto Musica Federico Macor, il direttore dell’ERT  Renato Manzoni, il direttore del conservatorio di Trieste Massimo Parovel e Franco Calabretto, direttore artistico di Mittelfest e vicedirettore del conservatorio di Udine. Presenti alla conferenza stampa anche il direttore dell’orchestra, Maestro Vram Tchiftchian e vari rappresentanti del mondo della cultura e dei teatri della regione.

 Valorizzare i talenti musicali del territorio, sia quelli di comprovata professionalità sia i giovani professori d’orchestra dei Conservatori della regione e dei territori confinanti. La nuova FVG Mitteleuropa Orchestra, è nata, per volontà della Regione Friuli Venezia Giulia, con questo preciso scopo.

L’idea del direttore artistico,  Massimo Gabellone – un curriculum di tutto rispetto che va dalla direzione artistica del Teatro Pasolini di Cervignano e dell’Orchestra Karmelos, fino all’ideazione di uno dei più seguiti festival musicali in regione, “Nei suoni e nei Luoghi” e all’attività di Consulente internazionale per le Nazioni Unite -  è di fare della FVG Mitteleuropa Orchestra “un’istituzione musicale di riferimento della nuova Europa, quella che vede  il Friuli Venezia Giulia non più terra di confine ma centro nevralgico di un nuovo assetto sociale, culturale ed economico”.

L’Orchestra, che affonda le sue radici nella tradizione musicale europea, si candida infatti a rappresentare un testimonial di eccellenza della regione FVG sotto il profilo culturale e di promozione del territorio, in Italia e all’Estero.

Coordinata dall’Associazione Progetto Musica con il sostegno della Regione, la FVG Mitteleuropa Orchestra è, secondo la Presidente della Regione Debora Serracchiani “l’esempio di come la musica rappresenti un importante aspetto dell’industria culturale che, grazie a una attenta pianificazione, può essere in grado di esprimere peculiarità artistiche e di dare ossigeno occupazionale al comparto degli spettacoli dal vivo”.

Un progetto che, dice ancora Gabellone “grazie alla collaborazione con le principali strutture teatrali della regione in un percorso consensuale e partecipato, va ad arricchire ulteriormente il “sistema” di cui fanno parte i Teatri della Regione e l’Ente Regionale Teatrale”.

Il repertorio della FVG Mitteleuropa Orchestra spazia, nel segno della più ampia versatilità, dalla musica classica sinfonico-cameristica alla musica contemporanea e dal repertorio operistico fino all’operetta e al musical, non escludendo collaborazioni e produzioni scenico-musicali e pop. L’Orchestra, inoltre, ha in programma attività innovative rivolte al pubblico più giovane e alle scuole, con particolare attenzione alle dinamiche sociali e alle criticità delle medesime.

 IL PROGETTO FORMATIVO

A settembre si sono svolte le audizioni che hanno visto una folta schiera di giovani, provenienti da tutta la regione e dal vicino Veneto, confrontarsi con la commissione artistica - formata dal direttore Tchiftchian, da alcune prime parti dell’orchestra  e da Imerio Tagliaferri Prina e Stefano Furini, rispettivamente primo corno e primo violino nell’Orchestra stabile del Teatro Verdi di Trieste - che ne ha selezionati 24. L'Orchestra, che si pone l’obiettivo di divenire un valido strumento di congiunzione tra il mondo accademico e l'attività professionale per i tanti giovani che escono dai conservatori del territorio, ha infatti attivato delle borse di studio che hanno permesso ai fortunati prescelti di inserirsi in un organico orchestrale già formato e di confrontarsi con il mondo del lavoro professionale: prove, concerti, tournée.

Le profonde sinergie già avviate con i due conservatori di Trieste e Udine consentiranno, nel prossimo futuro, di proseguire su questa strada, ampliando l’offerta di formazione dei due istituti grazie all’opportunità, per gli allievi più meritevoli, di accedere alla borsa di studio che permetterà l’inserimento per un significativo periodo nell’orchestra. Si tratta quindi di un elemento che caratterizzerà ancora più in positivo la qualità dell’esperienza formativa dei conservatori della regione.

 IL DEBUTTO

L’orchestra debutterà al Teatro Nuovo Giovanni da Udine il 4 novembre prossimo, in una serata che si aprirà  con il Concerto per violino e orchestra di ?ajkovskij, solista la violinista russa Alena Baeva, e continuerà con la  Sinfonia in do maggiore “La Grande” di Schubert, impegnativo ultimo capolavoro sinfonico dell’autore e vera prova di maturità per l’Orchestra e per il suo nuovo direttore che, con questa difficile esecuzione, intendono farsi subito riconoscere e rispettare dal loro pubblico. Il concerto è inserito nella stagione musica 2014/2015 del Teatro Nuovo Giovanni da Udine,  che vedrà esibirsi le orchestre più prestigiose d’Europa, come la London Symphony Orchestra, l’Orchestre National  de France e i Münchner Symphoniker.

 LA TOURNÉE

Nel mese di novembre 2014 l’Orchestra sosterrà una tournée, co-organizzata dalla Regione FVG, che toccherà i principali centri del Sud Est Europa.

Alla luce del suo interesse verso i Paesi dell’area sud e centro europea, con i quali è già in atto una politica di rafforzamento delle relazioni e degli scambi, la Regione FVG ha programmato questa iniziativa di alto valore simbolico e culturale che, a novembre, toccherà importanti teatri di Slovenia, Croazia, Bosnia Erzegovina, Montenegro, Serbia e Albania. Del progetto sono parte integrante le Ambasciate italiane e gli Istituti italiani di Cultura e alcune università statali dei paesi toccati dall’iniziativa. Sarà così un’occasione non solo di promozione delle eccellenze artistiche del Friuli Venezia Giulia ma anche di incontri, finalizzati a costruire progetti di collaborazione nel campo della cultura e della promozione del territorio. Ad ogni concerto l’orchestra si avvarrà di un violinista solista scelto dal Paese ospitante a rappresentarlo.

I concerti in programma sono 8: il primo il 15 novembre al Teatro della città di Kutina in Croazia, in collaborazione con l’Università Popolare di Trieste, poi in Bosnia Erzegovina  il 17 e il 19 novembre,  al Banski Dvor di Banja Luka  e al Teatro Nazionale di Sarajevo, per poi spostarsi  a Podgorica , in Montenegro per un concerto al Teatro Nazionale di Stato il 21 novembre. Il 23 novembre raggiungeranno L’Albania, tappa più lontana del loro viaggio per un concerto al Teatro Nazionale dell’Opera e del Balletto di Tirana. 
Mercoledì 26 novembre l’orchestra suonerà al Teatro Nazionale di Belgrado e il giorno seguente al Teatro Nazionale di Novi Sad, sempre in Serbia. L’impegnativa tournée si concluderà sabato 29 novembre al Kulturni Dom di Nova Gorica, nella vicina Slovenia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

FVG Mitteleuropa Orchestra, ventata di novità per l'orchestra sinfonica del Friuli Venezia Giulia

TriestePrima è in caricamento