rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
Cronaca

Coronavirus, il Fvg resta in zona arancione

Il monitoraggio settimanale dell'Iss tratteggia una situazione in Friuli Venezia Giulia in lento miglioramento, con il rischio sceso da alto a moderato, rispetto alla settimana scorsa.

Si cominciano a vedere i primi risultati delle restrizioni: il monitoraggio settimanale dell'Iss tratteggia una situazione in Friuli Venezia Giulia in lento miglioramento, con il rischio sceso da alto a moderato, rispetto alla settimana scorsa. Scende anche l'indice Rt, stimato 0.88 (la settimana scorsa era 0.94 e scendono i casi registrati di positività). Ma c'è un paramentro che ancora porta ad essere la nostra una tra le peggiori regioni d'Italia: il tasso di incidenza dei contagi ogni 100 mila abitanti, attestato intorno a 507. Al pari di questo dato, anche quello relativo alla situazione ospedaliera resta preoccupante: l'occupazione delle Terapie intensive è al 36% e quello di altri reaparti è al 54%. Per la nostra regione significa che ancora questa settimana resterà in zona arancione, come previsto da Dpcm che ammette il passaggio in zona a rischio inferiore solo dopo 15 giorni: per sperare in una zona gialla, dunque, bisogna aspettare almeno fino a domenica 31 gennaio.

In Italia

Secondo la sintesi nazionale: sono in una classificazione "moderata ad alto rischio di progressione a rischio alto": Lazio, Marche, Molise, PA Trento, Valle d'Aosta; sono in una classificazione di rischio alta: la provincia autonoma di Bolzano, la Sardegna, la Sicilia, l'Umbria; sono in una classificazione di rischio moderata: Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Puglia, Veneto; sono in una classificazione di rischio bassa: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Liguria e Toscana.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, il Fvg resta in zona arancione

TriestePrima è in caricamento