Cronaca

La Slovenia apre le porte al Fvg, le gostilne si preparano all'assalto dei triestini: "Speriamo torni la normalità"

In meno di 24 ore dall'annuncio del via libera sono arrivate le prime prenotazioni. Da lunedì gostilne aperte fino alle 22

Arrivano le belle giornate e, fortunatamente, anche le belle notizie. Da sabato 22 maggio infatti il Fvg potrà entrare in Slovenia senza il Pct (certificato di guarigione, di vaccinazione o test negativo). Un via libera quindi per tutti coloro che frequentavano le gostilne al confine, concedendosi una golosa gita oltreconfine. Novità in arrivo anche per l'orario di apertura: da lunedì le locande ed i ristoranti sloveni saranno infatti aperti anche a cena, ovvero fino alle 22.

La notizia ha rincuorato non solo i triestini che potranno tornare alle loro vecchie abitudini, ma anche i titolari delle varie gostilne che sperano la situazione non cambi e che ci sia finalmente un graduale ritorno alla normalità. "Abbiamo riaperto proprio oggi. Non sapevamo di questa novità, ma non aspettavamo altro - ha dichiarato il titolare della Gostilna Ruj -. Essendo vicini al confine abbiamo sempre lavorato con la clientela triestina e italiana. Ci fa molto piacere naturalmente. Speriamo solo duri nel tempo e che non arrivino altre misure restrittive". Il Ristorante e Hotel Grahor riaprirà invece il 28 maggio: "E' una notizia positiva. La situazione migliorerà sicuramente e piano piano, con l'arrivo dell'estate, andrà sempre meglio"

Chi è rimasto aperto, in questo periodo ha continuato a lavorare con i transfrontalieri e i clienti affezionati, ma ovviamente ora la speranza è che " da sabato vada ancora meglio". A Krizmanu e Strunjan sono anche arrivate le prime prenotazioni: "Non possiamo ancora parlare di normalità, ma è un buon inizio".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Slovenia apre le porte al Fvg, le gostilne si preparano all'assalto dei triestini: "Speriamo torni la normalità"

TriestePrima è in caricamento