menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto archivio gruppo Citynews

foto archivio gruppo Citynews

Colonie di gatti a Trieste, il Comune posiziona 19 nuove casette

La presentazione dell'iniziativa si è tenuta questa mattina. L'assessore all'Educazione zoofila, Michele Lobianco: "Sono di proprietà del Comune, quindi devono godere del rispetto che si destina ai beni pubblici"

Sono 19 le nuove casette messe a disposizione dal Comune di Trieste per i circa 5000 gatti randagi che vivono attualmente sul territorio comunale. La presentazione delle nuove dimore che, simbolicamente, aiuteranno i 300 tra gattari e gattare che accudiscono le 730 colonie feline, si è tenuta questa mattina presso la sala Giunta del municipio alla presenza dell'assessore con delega all'Educazione zoofila Michele Lobianco. 

"Negli anni passati il Comune aveva già provveduto ad assegnare 400 casette di ricovero, regolarmente numerate e censite ed assegnate ai gattari per la cura delle colonie di competenza" ha introdotto Lobianco durante la conferenza stampa nella quale sono intervenute anche Milas Andelka e Sara Filograna, in rappresentanza dei gattari e gattare. "Oggi ne consegnamo ulteriori 19, azione che assume un'importanza fondamentale anche nel servizio di monitoraggio delle colonie e della contestuale campagna di sterilizzazione nei confronti dei gatti". 

"Ufficialmente il Comune è proprietario degli animali randagi - ha ricordato l'assessore - e di conseguenza deve prendersene cura. Voglio rammentare che nel 2019 sono stati sterilizzati 400 gatti, a fronte di un'azione svolta dall'Enpa, dall'Associazione Il Gattile e dalla Clinica San Giacomo, per un importo totale di 31mila euro". 

Le 19 casette verranno posizionate nei rioni di Valmaura, Rozzol, San Luigi, Ponziana e molti altri. "Considerato che non è possibile sostituire imemdiatamente tutte le 400 casette in un'unica operazione - ha continuato Lobianco - gli uffici stanno procedendo da due anni ad uno sostituzione continuativa e graduale, sostituendo quelle segnalate dai referenti di colonia a partire da quelle più ammalorate". 

Da sottolineare che sono state diverse le segnalazioni giunte agli uffici comunali su danneggiamenti e, in taluni casi, anche di furto delle stesse casette. Proprio per stigmatizzare questo fenomeno spiacevole, l'assessore ha voluto sottolineare come "le casette che andiamo a posizionare sono marchiate con il simbolo del Comune. Come tali, essendo di proprietà comunale, devono godere del rispetto che si destina alla cosa pubblica".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La ricetta della torta mimosa per festeggiare le donne

social

Cucina di mare: la ricetta delle canocie in busara

Cura della persona

Scrub fai da te: la ricetta super naturale per labbra perfette

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento